Un telecomando facciale

Anziché premere i tasti di un telecomando per fermare e ripetere una porzione di filmato che non si è compresa, in futuro basterà assumere un'espressione basita.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-07-2008]

Un telecomando facciale

Se un insegnante quantomeno accettabile nota che il gruppo di studenti che gli siede di fronte ha un'espressione vacua mentre un fiume di parole li investe, generalmente rallenta il flusso delle informazioni e ripete i concetti, sperando che qualcosa riesca a farsi largo tra gli strati di tenebra e infilarsi nelle teste dell'uditorio.

Se però è un robot o un video registrato a far la parte del docente, il vuoto dipinto sulle facce dei discenti non potrà far nulla per fermare il torrente in piena di concetti, cosicché le parti più difficili della lezione non verranno capite.

Partendo da questo problema Jacob Whitehill, della San Diego's Jacob School of Engineering, sta sviluppando un software di riconoscimento dei movimenti del volto che renda i robot degli insegnanti più efficaci.

Nel test pilota condotto sono state analizzate le espressioni di 8 persone: è stato notato che se la lezione diventava più difficile i soggetti battevano meno le palpebre, per esempio.

La raccolta di queste informazioni ha permesso di progettare un primo prototipo di programma che, in base all'espressione sui volti di chi ascolta, aggiusta la velocità del video, rallentandolo o fermandolo quando si accorge che non viene più seguito.

La difficoltà principale in questo progetto sta nel fatto che i movimenti del volto compiuti quando una lezione si fa più difficile variano di molto da persona a persona: diventa dunque complicato realizzare un modello.

Lo scopo ultimo degli esperimenti è riuscire a rendere il più naturale possibile l'interazione tra robot ed esseri umani. Oppure fermare la pubblicità in televisione finché lo spettatore non se la sorbisce attentamente fino all'ultimo fotogramma, chissà.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è l'affidabilità dell'informazione su internet?
La rete è piena di giornalisti non professionisti che scrivono per lo più sulla base del sentito dire, senza una reale verifica dei dati.
Può andar bene per farsi un'idea velocemente, ma è carente se dall'informazione si vuole approfondimento e commento.
L'informazione reperibile in rete è del tutto paragonabile per contenuti e affidabilità a quella dei media tradizionali.
La qualità dell'informazione su internet è certamente più varia di quella offerta dai media tradizionali, ma sapendo scegliere siti e fonti giuste può essere superiore.
Internet è l'ultima frontiera dell'informazione libera e non irreggimentata.

Mostra i risultati (3111 voti)
Aprile 2020
Tanti invocano l'app anti-coronavirus
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Tutti gli Arretrati


web metrics