Facebook batte il porno sul Web, almeno ufficialmente

Se le ricerche tramite Google si concentrano sui social network, forse è perché gli internauti sanno già bene dove trovare la pornografia, e gratis.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-09-2008]

Social networking Facebook batte i siti porno

"Noi siamo quello che clicchiamo", sostiene Bill Tancer: e se questo è vero, si capisce perché sta ottenendo tanta risonanza la ricerca condotta da Tancer stesso (direttore generale per le ricerche di Hitwise) secondo la quale i siti di social networking hanno superato quelli pornografici quanto a popolarità.

Se ne sta parlando come di un cambiamento decisivo nelle abitudini dei navigatori, un cambiamento che maggiormente interessa quella fascia di utenti che hanno un'età compresa tra i 18 e i 24 anni: sarebbero loro, soprattutto, quelli che hanno abbandonato i siti a luci rosse per Facebook.

I risultati elaborati da Tancer (pubblicati col titolo "Click: cosa fanno milioni di persone online e perché è importante") si basano sui dati relativi alle ricerche effettuate online da circa 10 milioni di utenti americani e su quelli relativi ai siti su cui navigano.

Rispetto a 10 anni fa, le ricerche di materiale pornografico sono passate dal 20 per cento del totale al 10 per cento, dimezzandosi nettamente; di contro il social networking è cresciuto a un ritmo impressionante.

"La mia teoria" spiega Tancer "è che ormai i ragazzi passano così tante ore sui social network che non hanno più tempo per visitare i siti per adulti".

C'è chi sostiene che però il cambiamento sia solo apparente: non è che il porno abbia perso la propria attrattiva; solo, ora usa canali differenti ed è molto più facile trovare materiale gratuito rispetto al passato. Di qui la minore necessità di fare ricorso a Google.

Perché, infatti, perdere tempo sui motori di ricerca, quando a colpo pressoché sicuro si può andare su uno dei molti siti analoghi a YouTube ma realizzati per contenere materiale hard? O ancora: quanti usano i servizi stessi di Facebook e soci per scambiarsi link a video per adulti? Insomma, sapendo già dove andare non occorre fare ricerche.

L'analisi, dunque, sarebbe lontana dal cogliere un quadro completo delle abitudini dei navigatori poiché si baserebbe troppo sulle ricerche effettuate tramite Google, che non rappresenterebbero un parametro del tutto affidabile.

Inoltre, anche quando Tancer prende in considerazione i siti visitati, non riconoscerebbe come tali i nuovi canali attraverso i quali il materiale a luci rosse viene distribuito mentre i siti - per così dire - professionalmente pornografici subirebbero l'agguerrita concorrenza della presenza di materiale gratuito.

In ogni caso, ci sono anche altri dati che sono interessanti. Chi, prima di questa indagine, sapeva per esempio che con l'avvicinarsi del Giorno del Ringraziamento le ricerche di antidepressivi mostrano un picco?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

{Alessio}
E che dire.. Leggi tutto
12-4-2010 17:47

Magari stanno sui siti di social network per cercare materiale (o incontri) porno .... Oppure non hanno bisogno di cercare i siti porno con google, perhc ormai li conoscono gi, e gli basta clickare sul bookmark :roll:
19-9-2008 12:07

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra le invenzioni presentate alla Electrolux Lab Competition 2013 ti piacerebbe avere?
3F, l'aspirapolvere mutaforma
Breathing Wall, il muro che respira
Nutrima, la bilancia che ti dice se il cibo fresco
OZ-1, la collana che assorbe i cattivi odori
Kitchen Hub, la dispensa intelligente
Mab, gli insetti che puliscono la casa
Global Chef, cucinare in telepresenza
Atomium, la stampante 3D per i cibi

Mostra i risultati (1063 voti)
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
La Rete telefonica italiana agli americani di KKR
Se il furgone di Amazon ti tampona... la colpa è di Amazon!
Il Blue Screen of Death... ritorna blu
MediaWorld sotto attacco ransomware: hacker vogliono 200 milioni in bitcoin
SPID con le Poste, il riconoscimento adesso si paga
Facebook rinuncia ufficialmente al riconoscimento facciale
Ottobre 2021
Il Nobel ad Assange
Windows 11, finalmente si possono eseguire anche le app Android
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 novembre


web metrics