"Sono un Pc": gli spot di Microsoft per contrastare Apple

Un Pc è versatile, simpatico, informale: ben lontano dallo stereotipo che quegli invidiosi di Apple vorrebbero diffondere.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-09-2008]

I'm a Pc Microsoft spot Apple Mac Spacey Longoria

Quasi non c'è stato il tempo di pensionare il duo comico Seinfeld-Gates e già è partita la seconda ondata degli spot di Microsoft, ideati per fare sapere al mondo quanto sia bello avere un computer con Windows, ovunque ci si trovi.

Il bersaglio diretto della campagna ora è Apple, che nelle proprie pubblicità non ha mai risparmiato attacchi e frecciatine ai rivali di Redmond.

Lo spot inizia giocando sul messaggio di Apple "I'm a Pc" ma definendolo uno stereotipo: se a Cupertino sono convinti che un Pc non serva praticamente a niente se non a lavorare (al contrario della versatilità propria di un Mac), Microsoft si mette d'impegno per dimostrare il contrario.

Il riferimento è alla campagna "Get a Mac", in cui l'umorista americano John Hodgman impersonava il Pc (un uomo vestito formalmente, ingessato, preoccupato solo del proprio lavoro e che... si blocca spesso) e l'attore Justin Long un Mac (vestito casual, simpatico, accattivante, ed evidentemente in grado di superare il collega in ogni situazione).

Long appariva dicendo "Hello, I'm a Mac...", mentre Hodgman esordiva con un "...And I'm a Pc". Il succo della campagna stava nello slogan: "Prendete un Mac. Fa quello che fa un PC, solo meglio".

Microsoft mette in campo la parodia del personaggio di Hodgman accompagnandola con persone note (tra cui l'onnipresente Bill Gates, ma ci sono anche Kevin Spacey ed Eva Longoria) e comuni, tutte impegnate a dire "Sono un Pc" e a mostrare i diversi ambienti, luoghi e situazioni in cui vivono e lavorano e nei quali un Pc si trova perfettamente a proprio agio, al contrario di quanto dicesse quella pettegola di Apple.

Ancora una volta non c'è menzione alcuna dei prodotti Microsoft. Solo alla fine, dopo i vari "Sono un Pc e questo è il mio ufficio" (mostrando un gommone) e "Sono un Pc e non ho un vestito elegante", appare il logo di Windows.

Grazie al solito YouTube ognuno può giudicare da sé se Microsoft sia riuscita ad aggiustare il tiro rispetto ai primi due tentativi di accattivarsi il pubblico e fare il confronto con lo spot di Apple del 2006.

La pubblicità di Microsoft esiste in più versioni, di differente lunghezza. Quella completa dura un minuto.

Lo spot usato da Apple ai tempi del lancio di Get a Mac, poi, va guardato almeno una volta nella vita.

Ci sono, infine, le due versioni più brevi della pubblicità di Microsoft.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

Chiaro. Se nel mondo di Windows ci fossero i muri saremmo tutti li a sbattere la testa per la disperazione... Anche loro.. lo fanno per noi!!!! Leggi tutto
26-12-2008 11:31

Vabbe' pero' fin dagli anni '80 sono detti "Pc" soltanto gli Ibm e "compatibili". Tutti gli altri sono chiamati genericamente "computer" o anche "personal computer"... ma non "Pc".
26-9-2008 15:18

Quotone!!! un dettaglio per niente trascurabile,che a me d molto fastidio (significa non conoscere/far finta di non conoscere il significato dell'acronimo). Un Mac un Pc; Pc != Winzozz Hardware != Software (sistema operativo) Chiariamolo, una volta per tutte! Leggi tutto
26-9-2008 15:08

[video]http://www.youtube.com/watch?v=XaXrBg3_olk[/video] gi detto tutto da anni... :)
22-9-2008 16:34

E' un ottimo spot. Va a colpire sull'unico punto debole della campagna Apple e cio che autoproclamarsi cool non per niente cool. Credo che riuscir a convogliare tutta la frustrazione di chi non passato a Mac e a Linux e comunque non vuole sentirsi un fesso o un minorato. Se fa anche solo mezza bella figura con Win7 Microsoft si... Leggi tutto
22-9-2008 11:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto spesso utilizzi un Pc o un dispositivo mobile mentre guardi la Tv?
Sempre
Spesso
A volte
Raramente
Mai
Non guardo la Tv.

Mostra i risultati (3492 voti)
Febbraio 2023
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 7 febbraio


web metrics