Io ce l'ho profumato... il notebook

Asus ha presentato F6V, una serie di portatili profumati. In arrivo anche un notebook in bambù, i portatili della serie N e un nuovo dispositivo touchscreen.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-09-2008]

Asus F6V N10 bambù profumati U6F

L'ultima novità di Asus è quella del notebook profumato.

Secondo il produttore di Taiwan, un Pc portatile deve appagare non solo la vista (con un design elegante e raffinato), l'udito (con un suono di qualità) e il tatto (deve essere gradevole al tocco, magari rivestito in pelle), ma anche l'odorato.

Ecco perché stamattina Asus ha presentato alla stampa i primi notebook che emanano un gradevole profumo (a seconda dei gusti). Entro il 2010, giurano i meglio informati, arriveranno anche i notebok da mangiare.

I notebook della serie F6V sono disponibili in quattro profumazioni e colori; le tonalità sono rosa, verde, blu e nero. Il display è da 13,3 pollici, il processore Centrino 2, il peso sotto i 2 kg.

Un altro prodotto che Asus ha presentato oggi è il notebook in bambù. Il suo punto di forza sono i bassi consumi: un vero notebook "green", in tutti i sensi. Sarà disponilie in serie limitata.

Per quanto riguarda i notebook tradizionali (ma dalle caratteristiche innovative) Asus ha presentato la nuova serie N, tra i quali figura anche il mininotebook N10 di cui abbiamo già parlato svariate volte nelle scorse settimane.

Gli ultraportatili della serie N 10, oltre che per il peso ridotto, si caratterizzano per il processore Atom all'interno e per il tempo di caricamento del sistema operativo di soli 8 secondi. L'ambito di utilizzo è aziendale, e pere questo motivo è supportato il sistema operativo Vista.

R50 infine è un dispositivo che sta a metà tra un tablet e uno smartphone: con modem 3G, navigatore Gps, webcam e fotocamera, wireless, schermo touch screen. All'interno troviamo processore Atom e disco Ssd. Il peso è di 560 grammi, la durata della batteria secondo Asus raggiunge le 4 o 5 ore.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Dario Meoli (ZEUS)

Commenti all'articolo (3)

:shock: Ma non sanno più cosa inventarsi? :shock: E chi se li comprerà, Paris Hilton? :lol:
24-9-2008 17:19

Ehm... era una battuta, ovviamente. Speriamo che nessuno equivochi :-)
24-9-2008 16:13

Quelli da mangiare, saranno monouso? :wink: Leggi tutto
24-9-2008 15:01

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (786 voti)
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 1 dicembre


web metrics