Dispersi i dati di 17 milioni di utenti

T-mobile, sussidiaria di Deutsche Telekom, si scusa e giura che non succederà più.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-10-2008]

T-Mobile Deutsche Telekom 17 milioni furto dati

La compagnia di telecomunicazioni Deutsche Telekom ha ammesso il furto, avvenuto nel 2006, dei dati di 17 milioni di utenti della sua sussidiaria T-Mobile (recentemente nota come distributore degli smartphone G1).

Le informazioni sottratte riguardano "nomi, indirizzi, numeri telefonici" e, in alcuni casi "la data di nascita e gli indirizzi e-mail". Gli utenti della società possono tuttavia consolarsi apprendendo che "i file non contengono specifiche bancarie, numeri di carta di credito o dati sulle chiamate".

Rispetto al furto, a suo tempo denunciato ma tenuto sostanzialmente segreto da Telekom, la società sostiene di avere aumentato le misure di sicurezza; ciò probabilmente non tranquillizzerà quei milioni di persone i cui dati sono stati trafugati, tra cui informazioni su persone note del mondo della politica e dell'economia.

Deutsche Telekom si scusa con i propri utenti ma purtroppo deve segnalare il fatto che i ladri ancora non sono stati trovati. A oggi i dati sottratti non sono stati usati per danneggiare i clienti di T-Mobile, ma sono ancora in circolazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Secondo me non ci sono scuse, chi ha rubato questi dati avrà avuto sicuramente le sue ragioni malsane credo. Non sono stati usati fin'ora ma non credo e comunque ciò non significa che non c'è più rischio.
6-10-2008 14:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il componente del PC che aggiornerai per primo?
Scheda Wi-Fi
Mouse
Tastiera
Scheda audio
Hard disk
RAM
Schermo
Scheda video
Processore
Tutto il PC

Mostra i risultati (2688 voti)
Luglio 2020
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Windows 10 rinnova il menu Start
Arriva Edge, e i computer rallentano
Giugno 2020
Favicon sfruttate per rubare i dati delle carte di credito
Windows 10, dov'è finita l'opzione per rimandare gli aggiornamenti?
Windows 10, l'ultimo aggiornamento riavvia i Pc a forza
La Casa Bianca e il video delle cataste di mattoni
Pornografia, il Parlamento prepara un filtro al web
La foto che paralizza alcuni smartphone Android
Il trucco che elimina la pubblicità da YouTube
Tutti gli Arretrati


web metrics