Mono 2.0 è la piattaforma .Net per Linux

Il supporto a Microsoft .Net 2.0 è completo, mentre già si lavora sulla compatibilità con .Net 3.0.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-10-2008]

Mono 2.0 Microsoft .Net 3.0 C# Miguel de Icaza

Lunedì 6 ottobre è stata rilasciata la versione 2.0 di Mono, l'implementazione open source della tecnologia .Net di Microsoft, dietro la quale c'è tutto il sostegno di Novell.

Con questo rilascio le applicazioni scritte nel linguaggio C# 3.0 possono girare indifferentemente sotto Linux e MacOs X, oltre al nativo Windows: sono supportate tutte le caratteristiche di .Net 2.0.

Mancano invece diverse Api di .Net 3.0 e 3.5, come lo stesso Miguel de Icaza (vicepresidente delle piattaforme di sviluppo di Novell, mantainer del progetto Mono e già creatore di Gnome) ha ammesso, ma solo "perché non abbiamo ancora sviluppato quei pezzi".

I sostenitori di Mono puntano sull'interoperabilità e sulla possibilità di far girare lo stesso codice su piattaforme differenti senza dover realizzare tante versioni diverse; per gli altri, invece, adottare Mono - pur rilasciato con licenza Lgpl - significa avvicinarsi pericolosamente a Microsoft che mantiene proprietaria la versione originale, .Net. Esiste già Java - dicono questi ultimi - che in più ormai è open source.

Anche a Redmond non sono tutti convinti della bontà del progetto: qualcuno preferirebbe che non ci fosse, così da limitare i motivi per passare a Linux; altri lo vedono come un trampolino di lancio per conquistare anche gli utenti del pinguino.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Provare per credere ! Leggi tutto
8-10-2008 17:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual č il momento tra questi in cui avverti il maggior bisogno di privacy?
Leggo gli annunci di lavoro in ufficio
Spio un/una mio/a ex sui social network
Utilizzo i social network in ufficio
Consulto l'online banking
Guardo foto o filmati a luci rosse
Invio o guardo foto private
Faccio shopping online

Mostra i risultati (1552 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics