Ecco i nuovi MacBook Pro: leggeri, resistenti e veloci

Steva Jobs ha presentato i primi portatili di Apple costruiti con la tecnologia "Brick" e dotati di chipset nVidia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-10-2008]

Apple MacBook Pro Air nVidia trackpad vetro

Come annunciato, i riflettori si sono spostati sui notebook e Steve Jobs li ha presentati al mondo: i nuovi MacBook e MacBook Pro, costruiti con la tecnologia Brick (ma che ufficialmente si chiama Unibody), sono arrivati.

Chi ha subito le modifiche più consistenti è il MacBook Pro con schermo da 15,4 pollici: oltre al resistente e leggero chassis in alluminio, presenta uno schermo lucido con cornice nera e una tastiera - nera anch'essa - praticamente gemella di quella del MacBook Air.

All'interno ci sono il chipset nVidia che tutti si aspettavano e ben due processori grafici: uno per puntare sulle prestazioni - il 9600M GT - e uno per contenere i consumi (il 9400M). Il secondo consente di arrivare a un'autonomia di 5 ore (con il Wi-Fi acceso), mentre scegliendo il primo ci si ferma a 4 ore in cambio di maggiore potenza fornita dalla Gpu.

Le Cpu (Intel Core 2 Duo) hanno frequenze che vanno da 2,4 a 2,53 GHz e sono accompagnate da 3 o 6 Mbyte di cache di secondo livello, con un Fsb da 1066 MHz; il disco rigido è da 250 o 320 Gbyte e può essere sostituito da un'unità Ssd.

Ciò che più farà piacere a molti utenti è la possibilità di accedere facilmente sia all'hard disk che alla batteria, che potranno quindi essere aggiornati senza grosse difficoltà.

Anche lo schermo presenta modifiche interessanti: spariti quelli opachi, questa linea offrirà solo display lucidi e dotati di una finitura in vetro. Per ovviare al problema dei riflessi la retroilluminazione è a Led e il display stesso è orientabile.

Il trackpad merita la massima attenzione: più grande e in vetro, ha perso anche l'unico pulsante che aveva ma solo perché tutta l'area è diventata cliccabile, essendo sensibile alla pressione. Naturalmente supporta il multitouch e si può configurarlo in maniera personalizata per riprodurre la presenza di pulsanti virtuali in determinate zone.

I MacBook vanno invece ad assomigliare sempre più ai fratelli maggiori dal punto di vista estetico, mentre sono meno dotati per quanto riguarda i processori e hanno una sola scheda grafica; il disco rigido è da 160 Gbyte. I MacBook Air, infine, possono vantare solo un aumento nella capacità dei dischi rigidi e il passaggio ai chip di nVidia.

I portatili di Apple si fanno notare anche per ciò che manca: oltre ad ammettere che - almeno per ora - non è in programma la costruzione di netbook, a Cupertino hanno preferito rinunciare ad alcune tecnologie.

Niente Blu-Ray, quindi, né Hdmi (un po' come diceva Brad Brooks) al posto della quale c'è l'uscita DisplayPort; scompare anche la Firewire 400, almeno dai MacBook, mentre i Pro presentano una Firewire 800.

I prezzi sono in linea con la tradizione Apple: per 1.199 euro si può avere un MacBook con Cpu a 2 GHz mentre, se si preferisce un MacBook Pro, il costo parte da 1.799 euro (con processore a 2,4 GHz, 2 Gbyte di Ram e 250 Gbyte di hard disk) e arriva a 2.249 euro per la versione con Cpu a 2,53 GHz, 4 Gbyte di Ram e 320 Gbyte di disco.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

Perfetto, mi sembra un'ottima idea affrontare l'argomento per chi come me ha questi dubbi.. attendo l'articolo per discuterne assieme, ovviamente in modo costruttivo! Ciao e buona giornata! :wink: Leggi tutto
3-11-2008 09:29

Precisazione per precisazione, ne faccio un'altra :) Non e' vero che tra i Macbook e i notebook tradizionali c'è solo il sistema operativo (Leopard puo' essere montato anche su un Pc tradizionale) a fare la differenza, ne' il solo design. Ci sono anche tutta una serie di funzionalità in più, di piccoli particolari che rendono veramente... Leggi tutto
3-11-2008 00:54

Grazie a zeussino per la precisazione :wink: Mentre per l'utente ospite vorrei ribadire quanto già detto, personale valutazione, tra la mercedes 500 e la Fiat 500 la differenza ci passa... sia di prezzo, che di funzionalità e contenuti. Tra i MacBook e i subnotebook.. beh.... funzionalità simili, dimensioni simili, prezzo MOLTO... Leggi tutto
2-11-2008 22:33

Probabilmente stefdragon intendeva "è troppo caro per la maggior parte della gente" o qualcosa del genere. Da qui ad affermare che quanto affermato "sia una sciocchezza" ce ne corre.
2-11-2008 21:16

{Io}
Ancora troppo cari ? Leggi tutto
2-11-2008 20:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1844 voti)
Agosto 2020
Rassegnatevi, il nuovo Edge non si può disinstallare
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics