In prova: Aiptek PocketCinema V10

Un miniproiettore e lettore multimediale dal design elegante che sta nel palmo della mano.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-10-2008]

Aiptek PocketCinema V10

Aiptek PocketCinema V10 è un dispositivo di proiezione portatile assolutamente innovativo sia per quel che concerne le specifiche tecniche sia dal punto di vista della funzionalità.

Dal design estremamente elegante e compatto, il PocketCinema V10 è poco più ingombrante di una fotocamera digitale o di un iPod Touch, dal momento che misura appena 125 x 55 x 23 millimetri.

La dimensione tascabile e la leggerezza (155 grammi inclusa la batteria) lo rendono lo strumento ideale per improvvise riunioni aziendali o meeting allestiti all'ultimo momento in una sala senza videoproiettore.

Sviluppato con la tecnologia LCoS (Liquid Crystal on Silicon, cioè cristalli liquidi su silicio) di 3M, offre una lumosità che si attesta attorno ai 10 Lumen; la risoluzione è di 640 x 480 pixel e, proiettando le immagini da una distanza ottimale (fino a 180 cm), riproduce uno schermo in formato 4:3 che può arrivare fino a una diagonale di 50 pollici (127 centimetri).

PocketCinema può essere utilizzato in due modi: collegandolo a una sorgente esterna (un iPod, un telefonino, una fotocamera, una videocamera, una consolle o un Pc) con il cavo AV in dotazione, oppure in modo autonomo. Infatti è dotato di una memoria interna di 1 Gigabyte e ha uno slot per schede di memoria Sd, Sdhc, Mmc e Ms Pro fino a 8 Gbyte.

Se usato in modalità autonoma, il PocketCinema V10 può riprodurre immagini Jpeg, file audio in formato Mp3 e filmati Asf, ma è compatibile anche con i file Mpeg-4, H.264 e M-Jpeg a patto di effettuare preventivamente la conversione dei file stessi con l'ArcSoft Media Converter, software estremamente user-friendly contenuto nel Cd di installazione in dotazione.

Il proiettore, una volta collegato al Pc mediante il cavetto Usb, viene rilevato automaticamente al pari di un disco esterno; per caricare i dati è sufficiente trascinarli con un banalissimo drag and drop.

Durante la visione si puo' utilizzare il telecomando in dotazione oppure i tasti presenti nella parte superiore, posizionati in modo da essere facilmente raggiungibili con le dita tenendo in mano il proiettore.

Il manuale è quasi superfluo poiché l'interfaccia è molto chiara e offre un menu (anche in italiano) di appena cinque voci: Impostazioni, Video, Immagini, File audio e Memoria. Selezionare il filmato da proiettare è semplicissimo, e scorrendo l'elenco dei file presenti in memoria viene automaticamente visualizzato un riquadro d'anteprima.

La qualità delle immagini proiettate è soprendentemente buona, considerate le dimensioni. Dopo un paio d'ore di utilizzo tuttavia PocketCinema tende a scaldarsi e, come avvisa il manuale, il calore potrebbe compromettere la qualità dell'immagine. E' quindi preferibile non "stressare" troppo un oggetto così piccolo, utilizzandolo per il tempo strettamente necessario.

Il proiettore è anche aggiornabile tramite firmware, pertanto di tanto in tanto si potrà consultare il sito di Aiptek per verificare l'eventuale presenza di aggiornamenti.

AIPTEK POCKETCINEMA V10
Prezzo Euro 325,00 (Iva inclusa)
Pro Dimensioni ridottissime che permettono di allestire una proiezione "al volo" in qualsiasi ambiente (sufficientemente buio). Design elegante ed estrema semplicità d'uso.
Contro Audio di bassa qualità. Tende a surriscaldarsi dopo un uso prolungato.
Funzionalità 5
Documentazione e facilità d'uso 5
Condizioni Commerciali 4
Giudizio Globale 4.5

L'unico neo di questo gioiello è la qualità dell'audio (gli altoparlanti stereo hanno una potenza di 0,5 Watt), non propriamente ottimale ma comunque sufficiente per un prodotto estremamente compatto e studiato per piccoli ambienti.

In dotazione con il PocketCinema V10 vengono forniti la batteria al litio, il telecomando, il treppiede, il cavo Usb, il cavo AV, l'adattatore per l'alimentatore, il Cd di installazione contenente il software di conversione, il manuale e un'elegante custodia di stoffa.

In Italia il prodotto è distribuito da Add On.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual Ŕ il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google Ŕ veramente brutta! Pi¨ che un auto Ŕ un'ovovia.
Ci toglierÓ il piacere di guidare e la nostra vita sarÓ un po' pi¨ triste.
AvrÓ un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarÓ maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi pi¨ lunghi o pi¨ lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non Ŕ chiaro di chi sarÓ la responsabilitÓ civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
SarÓ esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocitÓ o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno pi¨: giÓ immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1922 voti)
Gennaio 2021
Fregare Big Pharma con il vaccino
Alternative a WhatsApp
Un'opera da fantascienza costruita a tempo di record per scopi militari
Ho-mobile ammette la violazione dei dati dei clienti
Dicembre 2020
Il sito che svela quali tracce lasci quando navighi nel web
Zoom, arrivano l'email e il calendario
Spid creepshow, la sospensione
Windows 10, Cpu al 100% e molti problemi dopo l'ultimo update
Pirati che usano satelliti militari per comunicare e come ascoltarli
Google, i disservizi mostrano tutta la fragilità della tecnologia
CentOS, c'è un successore
La gabbia per il router che elimina le radiazioni elettromagnetiche
Falla spettacolare negli iPhone
La storia segreta di un gioiello scientifico
Microsoft brevetta la tecnologia per eliminare le riunioni inutili
Tutti gli Arretrati


web metrics