Perché non dobbiamo dimenticarci di Dmitry - Seconda parte

Ebbene, perché non dimenticarcene? Per almeno cinque buone ragioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-10-2001]

Leggi la prima parte - Perché non dobbiamo dimenticarci di Dmitry

Dmitry ha diritto alla nostra solidarietà innanzitutto perché è innocente, ma ciononostante è privato delle sue libertà e dei suoi affetti e su di lui incombe la minaccia di una pena che sarebbe irragionevolmente pesante anche in caso di colpevolezza.

In secondo luogo, perché non deve essere avallato il principio che una nazione possa pretendere all'estero il rispetto delle proprie leggi da parte dei cittadini di tutto il mondo, indipendentemente dalle normative dei Paesi in cui vivono.

Poi, perché il DMCA è una legge iniqua: spacciata (come al solito) quale baluardo a difesa della creatività e del progresso tecnologico, è invece un mero strumento di intimidazione che i grandi gruppi industriali possono indiscriminatmente usare a protezione dei propri (non sempre limpidi) interessi.

Ancora, perché stando così le cose non è affatto opportuno che lo stesso DMCA venga preso a modello per la futura "evoluzione" delle normative in tema di copyright in altri Paesi.

Infine, perché una sentenza sfavorevole a Sklyarov potrebbe di fatto sancire l'obbligo al silenzio per chiunque intenda assumere posizioni critiche nei confronti dei potentati economici. Come giustamente spiega Yuri Bettini, le conseguenze per la libertà di ricerca e di divulgazione scientifica sarebbero gravissime.

In tal caso, ciascuno di noi si troverebbe costretto a difendere da solo la propria libertà di azione e di pensiero: a rifletterci, non è una bella prospettiva.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se fossi il passeggero in un'auto il cui conducente sta leggendo o inviando un Sms, protesteresti?
S, ma solo se sono in confidenza con l'autista. E comunque non mi sentirei molto tranquillo.
S, per la sicurezza di tutti.
No, se lo fa in un rettilineo o comunque in condizioni di sicurezza.
No, se il conducente attento: non c' motivo di protestare.
No, se sta solo leggendo. S, se sta inviando un messaggio.

Mostra i risultati (2326 voti)
Ottobre 2021
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 22 ottobre


web metrics