L'Europa dice addio alle lampadine

Niente più lampade a incandescenza entro il 2012: la bolletta sarà più leggera e l'ambiente ringrazierà.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-12-2008]

Europa addio alle lampadine a incandescenza 2012

Un risparmio annuale di circa 40 Terawatt/ora, una quantità di energia sufficiente per illuminare l'intera Romania o 11 milioni di famiglie europee: tale sarà il risultato della sostituzione delle lampadine tradizionali con quelle a basso consumo.

Non c'è scelta: l'Unione Europea ha approvato la graduale sostituzione delle lampadine a incandescenza con dispositivi più efficienti, come le lampade a fluorescenza a lunga durata (che consentono un risparmio energetico del 75% circa rispetto a quelle tradizionali) e le lampade alogene (per le quali il risparmio si situa tra il 25 e il 50%).

I tempi scelti dalla Commissione sono però troppo lunghi, almeno secondo Greenpeace che invece avrebbe voluto vedere un passaggio più immediato; per completare la transizione bisognerà aspettare il 2012.

Le prime a sparire saranno le lampadine da 100 Watt, che abbandoneranno gli scaffali già da settembre 2009; seguiranno, nel 2011, quelle da 75 Watt e infine, nel 2012, sarà la volta di quelle da 40 e 25 Watt.

Per le famiglie tutto ciò si tradurrà in un risparmio in bolletta tra i 25 e i 50 euro all'anno; in scala europea, si tratta di una cifra tra i 5 e i 10 miliardi di euro. Quanto agli inquinanti, si prevede una riduzione delle emissioni di Co2 pari a 15 milioni di tonnellate l'anno.

Chi invece non è del tutto convinto della bontà di questa mossa è John Bowis, parlamentare inglese,il quale teme che le luci fluorescenti possano avere effetti negativi sulle persone affette da epilessia o da emicrania.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Leggi tutto
18-2-2009 14:04

Ci sono vari tipi di lampade, il sistema funziona bene con quelle circolari più grosse, con quelle più piccole si può recuperare la parte elettronica sul fondo che di solito è ad incastro o incollato,intanto si può controllare se la lampada è bruciata con un tester si controllano i due filamenti estremi ,normalmente sono...sani !per cui... Leggi tutto
12-12-2008 10:49

GIANNICOLO, come si fa a separare le due parti? Leggi tutto
11-12-2008 20:59

Non ho mai capito perchè quando si parla di lampade a risparmio energetico,non si prende in considerazione il fatto che sono composte da una lampada e da una parte elettronica per il loro funzionamento Quando si guasta la parte elettronica (che potrebbe anche essere riparata) si butta il tutto,radoppiando i rifiuti. Bisognerebbe come ho... Leggi tutto
11-12-2008 19:06

{utente anonimo}
...dubbioso sulla capacità a riciclare questi miliardi di nuove lampadine ben più complesse di quelle vecchie...
11-12-2008 09:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (724 voti)
Agosto 2020
Mozilla licenzia il 25% dei dipendenti
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics