L'Australia filtrerà BitTorrent e il peer to peer

La censura non si limiterà a bloccare i contenuti Web "inappropriati", ma colpirà anche lo scambio di file tra utenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-12-2008]

Australia filtri BitTorrenti p2p Conroy censura

Anche se per quasi un anno, almeno qui da noi, non se ne è più parlato, il piano del Ministro delle telecomunicazioni australiano Stephen Conroy di filtrare i contenuti inappropriati presenti in Internet sta prendendo forma.

Ormai non solo si sta per passare alla fase operativa, ma adesso si scopre che la portata del provvedimento è stata estesa, nonostante le proteste.

Non verranno filtrati solo i contenuti violenti o pornografici che viaggiano sul Web, ma anche gli scambi di file sulle reti peer to peer, BitTorrent compresa. D'altra parte, quando mai un censore si è limitato al minimo sindacale?

"La tecnologia per filtrare il traffico peer to peer e BitTorrent esiste e posso anticipare che la sua efficienza sarà messa alla prova dal vivo in un test pilota" ha affermato Conroy.

Il grande test dovrebbe partire la Vigilia di Natale ma qualche problema è già sorto; non a causa delle numerose proteste che continuano a montare (quelle si possono facilmente ignorare almeno fino alle prossime elezioni) ma per problemi tecnici: pare che nessuno abbia informato i provider, ai quali spetta l'attuazione del piano del Ministro.

"Non abbiamo ancora ricevuto alcuna risposta sull'approvazione o meno della nostra proposta, che comunque non include il filtraggio del traffico peer to peer" ha rivelato un portavoce dell'Isp Optus. I provider, poi, temono che eventuali filtri per il p2p causino un rallentamento eccessivo delle connessioni.

Dettagli tecnici a parte, niente sembra fermare Conroy, nemmeno chi paragona le sue azioni alla censura cinese, iraniana o saudita. Secondo il Ministro c'è una fondamentale differenza tra quanto si vuole fare in Australia e quanto avviene in quei Paesi: là filtrano i contenuti politici, qui solo ciò che è ritenuto "inaccettabile, particolarmente per i bambini".

Dopotutto - prosegue Conroy - esiste già una censura nazionale (il National Classification Scheme) che classifica i film, i videogiochi, le pubblicazioni e i contenuti online identificando quelli non adatti ai minori, e i provider "sono già obbligati a rifiutare l'hosting di certi materiali".

Il fatto che il sistema di classificazione non faccia magicamente sparire i contenuti per adulti, come invece fanno i filtri, ma si limiti a fornire indicazioni in base alle quali chi si occupa dell'educazione dei bambini può scegliere, dev'essere sfuggito a Stephen Conroy.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Più che lottare per la difesa del web bisognerebbe lottare contro la sua lottizzazione... Sarkozy è diventato un esempio vivente di come si possano vendere al miglior offerente delle leggi mirate al controllo di quella è nata e cresciuta come l'idea più liberale che ci possa essere... Chi vincerà? Io credo che se continuiamo a non far... Leggi tutto
26-12-2008 13:16

Ragazzi, siamo in guerra. :twisted: La guerra del 21° secolo, per la difesa della Rete. Chi vincerà? Lo sapremo solo vivendo (e non è detto che vinca il più forte) :!:
25-12-2008 12:52

Secondo me è troppo restrittivo il provvedimento oltre a rallentare la rete. Viva il XXI secolo, emancipazione, libertà, valori intoccabili :shock:
25-12-2008 00:33

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale tra queste donne andrebbe ricordata maggiormente per le sue scoperte?
Elizabeth Blackwell (fu pioniera nella medicina)
Rachel Carson (lanciò il movimento ambientalista contro i fitofarmaci)
Marie Curie (studiò le radiazioni)
Rosalind Franklin (contribuì alla scoperta del DNA)
Jane Goodall (studiò la vita sociale degli scimpanzé)
Ipazia (astronoma e matematica della Grecia antica)
Ada Lovelace (fu la prima programmatrice di computer)
Barbara McClintock (scoprì l'esistenza dei trasposoni)
Maria Mitchell (scoprì la cometa di Mitchell)
Lise Meitner (elaborò la teoria della fissione nucleare)

Mostra i risultati (1672 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics