Google Video e le ricerche avvelenate

Attenzione ai risultati di Google Video: in qualche caso potrebbero puntare a un sito che distribuisce malware.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 03-02-2009]

Google video ricerche avvelenate Worm_Aqplay.A

L'"errore umano" che la scorsa settimana ha compromesso per qualche tempo i risultati forniti da Google non è l'unico problema che il più usato motore di ricerca si è trovato ad affrontare in questi giorni.

TrendMicro ha scoperto che le ricerche di Google Video sono state "avvelenate": in circa 400.000 casi, i risultati della ricerca non puntavano a innocui e legittimi filmati ma a dei siti web creati per infettare i sistemi Windows vulnerabili.

La strategia dell'attacco non è nuova: a chi finisce su uno dei siti pericolosi viene proposto di scaricare un file dal nome apparentemente innocuo di FlashPlayer.v3.181.exe. Naturalmente Adobe non ha nulla a che vedere con questo eseguibile, che invece installa sul Pc il malware che TrendMicro chiama Worm_Aqplay.A.

Il sistema usato dai criminali informatici ricalca quindi quello sfruttato dai falsi YouTube, creati per ingannare gli utenti e convincerli a installare malware sui propri computer.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Un altro motivo per disprezzare questo servizio
3-2-2009 15:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se il telefonino è generalmente personale, spesso il tablet è condiviso in casa. E' così?
Ho un tablet e lo uso solo io.
Ho un tablet e lo condivido con i miei familiari.
Non ho un tablet ma utilizzo quello di un mio familiare.
Non ho un tablet.

Mostra i risultati (1786 voti)
Agosto 2020
Mozilla licenzia il 25% dei dipendenti
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics