Il Governo consulta il Comitato contro la pirateria

Presso la Presidenza del Consiglio iniziano le prime audizioni del Comitato tecnico contro la pirateria digitale e multimediale. Dovrà pronunciarsi entro due mesi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-03-2009]

mulettto

Le associazione dei consumatori chiedono soluzioni eque al "problema" del peer to peer, e non la totale legalizzazione di un'attività che in alcuni Paesi viene considerata genericamente come "furto".

In altri Paesi, che evidentemente credono di vantare maggiori tradizioni giuridiche, tra cui il nostro, si è arrivati o si sta per arrivare all'emanazione di "leggi speciali" o persino all'istituzione di "tribunali speciali", soluzione rigettata persino in tempi non lontani di lotta politica estrema.

Detti tribunali potrebbero costituiti talvolta da giudici amministrativi, secondo l'insegnamento della cosiddetta dottrina Sarcozy, talvolta (seguendo altre proposte) da sezioni specializzate dei tribunali ordinari.

Su tutti (politici, magistrati, consumatori, fornitori di accesso e imprenditori dell'intrattenimento) gravano le pressioni delle major che pretendono di dettare una normativa del settore sempre più restrittiva, accampando per lo più motivi giudicati inconsistenti dagli esperti e mettendo in campo deterrenti anche di ordine psicologico.

Per esempio Bsa Italia dal proprio sito incita alla delazione; inqualificabile anche la Siae che - spalleggiata da alcuni parlamentari - pare ignorare le decisioni europee in ordine al famoso "bollino" da applicare sui supporti multimediali. I bollini Siae, lo ricordiamo, costituiscono una vera e propria accisa da riscuotere all'origine e ancora oggi giuridicamente inesistente.

Il clima è avvelenato dagli interessi contrapposti di chi ipotizza una libera circolazione di tutte le conoscenze ed applicazioni digitali, e chi invece, accampa statistiche speciose quando non apodittiche, per conservare e consolidare il proprio monopolio distributivo di cognizioni e realizzazioni.

In questo scenario si cala il forum del Comitato contro la pirateria, organismo governativo coordinato da Mauro Masi che procederà da subito all'audizione di Anica, Frt, Fimi, Afi, Fapav e Aesi.

Se il buon giorno si vede dal mattino, occorre dire che si è partiti subito col piede sbagliato. Infatti l'unico organismo realmente indipendente tra quelli citati sarebbe forse l'ultimo, l'Associazione Europea di Studi Internazionali.

In pratica il Comitato contro la pirateria è una creatura del Dipartimento delle politiche comunitarie, che è lecito temere abbia l'unico compito di armonizzare la questione della pirateria europea sulla base di risultati della omologa Commissione Olivenne.

La dubitativa è puramente accidentale, poiché il Comitato si prefigge di "contrastare le conseguenze economicamente negative derivanti dalla violazione dei diritti di proprietà intellettuale". Parlano di "oltre 5 miliardi di euro di danni - la forchetta è tra i 4,6 e i 5,3 miliardi - , di cui circa 2 miliardi di pirateria riguarda il diritto d'autore". Danno perciò per scontati i dati economici forniti dalle major dell'intrattenimento.

Non ci si meraviglia se si pensa che il coordinatore Masi è segretario generale alla presidenza del Consiglio e delegato all'ONU per la proprietà intellettuale; dovrebbe quindi essere un esperto nel settore, anche se nella specie si presenta più che altro come esperto nella comunicazione... fuorviante.

Non basta infatti aprire un forum di discussione presso il sito antipirateria, pubblicizzandolo soltanto tra coloro che per ovvi motivi ritengono sin troppo benevole le disposizioni vigenti. Al confronto non sono invitate, nel comitato e fuori in un pubblico dibattito, le associazioni dei consumatori, dei provider e dei fornitori di accesso.

Né in conseguenza appare dirimente l'affermazione "Non esiste nessuna proposta precostituita ma, al contrario, il Forum aperto sul sito del governo sta raccogliendo tutte le proposte dei cittadini, dalle più approfondite a quelle più semplici, che saranno, tutte, esaminate con la massima attenzione. Il Comitato procederà quindi alle audizioni il cui calendario sarà reso pubblico sul sito. Quando, e se, sarà elaborata una proposta verrà resa subito di pubblico dominio."

Meno che mai tranquillizzante è la conclusione che il Comitato "sta elaborando propri studi e approfondimenti tecnico-scientifici: anche di questi sarà dato pubblico conto e, chi vorrà, potrà commentarli e/o proporne di propri". Gli studi scientifici esistono già, sono ovunque noti perché accessibili e affermano univocamente il contrario di quanto le major e i loro sodali vorrebbero gabellare per verità di fede.

Come è stato dimostrato più volte, la "pirateria" e segnatamente il peer to peer in campo musicale non hanno affatto danneggiato la vendita dei supporti, i cui cali sono dovuti a ben altri fattori tra cui non ultimo è il prezzo.

Al contrario, delle nuove tecnologie di condivisione si sono avvantaggiati larghi settori industriali e commerciali, legati alla diffusione della banda larga e della rete cellulare; persino alcune tra le major, evidentemente meglio guidate dai responsabili commerciali, hanno iniziato a togliere vincoli e lucchetti a parte delle opere protette del diritto d'autore.

Eppure le recenti affermazioni del ministro Bondi e di Bomaiuti, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all'editoria, non suonano affatto rassicuranti in ordine a un equo confronto tra tutti gli interessati per addivenire infine a una soluzione condivisa.

Affidare l'intero comparto a una legge speciale antipirateria vuol dire da un lato deprimere il mercato culturale e dall'altro affrontare il problema solo inventandosi nuove barriere e istituendo sanzioni non solo spropositate ma profondamente ingiuste, con il rischio concreto di violare i diritti costituzionale dei cittadini.

Esemplificativa appare la posizione di Assoprovider, che in una petizione (inviata tra gli altri ad Adiconsum, Aiip, Assodigitale, Assoprovider, Dmin.it, Fimi, Google Italia, Isoc Italia, Istituto per le politiche dell'innovazione, Iwa Italy, Centro Nexa su internet & Societa', Microsoft e NNSquad Italia) afferma: "Nel resto del mondo le major iniziano a fare marcia indietro sulla lotta indiscriminata al fenomeno della pirateria digitale e multimediale comprendendo la scarsa utilità di una simile strategia e cercando di rispondere in modo innovativo al bisogno di cultura che alimenta tale fenomeno".

Al contrario "in Italia c'è il concreto rischio di violare i diritti fondamentali dei cittadini e di arrecare seri danni ad altre categorie pur di tutelare gli interessi di un ristretto gruppo e per giunta senza aver ascoltato il mondo della cultura digitale che tanto avrebbe da suggerire e chiudendo i lavori in fretta e furia in soli 60 giorni".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 17)

Non so, in italia purtroppo non si riesce a capire che intenzioni abbiano per regolare il P2P, c' troppa confusione in merito a mio avviso.
25-3-2009 15:20

.Marco Barontini.
morte dellla stupida legge del governo neozelandese Leggi tutto
24-3-2009 23:37

Si, ancora ci fanno scegliere col senno di poi. Se la nostra scelta va bene per loro allora ci fanno credere che abbiamo scelto noi se no fanno di tutto per deviare il corso delle stesse. :wink: Leggi tutto
7-3-2009 21:06

Scusa, ma di questi tempi , in questo Paese, pensi che la parola "scelta" abbia ancora qualche significato? Le scelte non sono pi per noi: ora c' chi lo fa al nostro posto. Leggi tutto
7-3-2009 21:00

Perch, ancora non la fanno pagare? Prendono i diritti su tutto, non capisco come fanno ad avere queste perdite, poi bisogna vedere a quanto ammontano i guadagni, a confronto le perdite saranno una percentuale minima, semmai parlerei di perdite per noi inermi pagatori che magari una cosa costa 10 e tra diritti iva e tutte le altre... Leggi tutto
7-3-2009 20:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come hai trovato il tuo attuale (o ultimo) lavoro?
Tramite un'agenzia.
Tramite un collega.
Con l'invio del curriculum direttamente all'azienda.
Grazie a referenze e presentazioni tramite un amico o un parente o un amico dell'amico.
Online sui siti di recruiting o grazie ai social network

Mostra i risultati (1335 voti)
Aprile 2021
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 18 aprile


web metrics