Controllo del web e democrazia a rischio

Secondo uno studio americano le persone d'ogni sesso passano sempre più tempo davanti ad uno schermo. Da qui la voglia dei governi di controllare le fonti d'informazione per controllare le opinioni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-04-2009]

Da un'indagine condotta dal serissimo Council for Research Excellence, per altro poi ripreso dalla stampa quotidiana americana, gli adulti passerebbero mediamente più di otto ore al giorno davanti a un monitor; non importa se televisivo, del PC, del videofonino o del navigatore satellitare.

La stima, a fronte dei dati attualmente disponibili per il nostro continente, può sembrare esagerata se al totale si vanno a sottrarre le ore di consultazione per lavoro; ma occorre dire che la media comprende anche le categorie di lavoratori che non usano mai o solo occasionalmente il computer o altri mezzi di comunicazione elettronici a parte la TV.

Sarà forse per questo che da ultimo assistiamo ad una recrudescenza dei tentativi di appropriarsi dei media di ultima generazione, poiché giornali e televisione sono già stati da tempo distribuiti tra chi ha o ha avuto il potere di imporre una forma codificata della spartizione.

Così i governi di Francia, Italia, Inghilterra e la pur progressista Svezia stanno dando vita ad una progressiva restrizione sull'uso delle risorse Internet articolando le motivazioni con le ragioni più assurde, che vanno dalla lotta alla pedofilia al contrasto della pirateria informatica.

E' inutile rifriggere qui argomenti ampiamente dibattuti anche in altre sedi; tuttavia fa piacere apprendere che non è del tutto solo chi teme i pericoli di un prossimo e ulteriore appiattimento culturale e dell'informazione.

A livello europeo qualcosa comincia a muoversi, pur tra le indecisioni ed i retromarcia; perché è facile e bello (e poi fa "trendy") fare il populista a Strasburgo o Bruxelles e poi a casa propria piegare le ginocchia dinanzi alle pretese delle major dell'editoria e dell'intrattenimento.

Abbiamo perciò visto l'europarlamento con 481 voti contro 25, più una ventina di astensioni, approvare un testo dove si dichiara che qualsiasi governo o società privata che limiti a titolo punitivo l'accesso alla Rete viola di fatto il diritto all'educazione dei cittadini.

Il riferimento alla recente Hadopi francese non è casuale; il guaio è che anche se venissero attivate adeguate punizioni pecuniarie nei confronti della nazione inadempiente con le regole del Trattato, queste sanzioni graverebbero sull'intera popolazione e non sui politici rei dell'infrazione. I politici da canto loro se lo potrebbero anche permettere, visto che guadagnano circa il doppio dei loro colleghi in ambito comunitario.

Pure contrari all'Hadopi si sono dichiarati Google, Yahoo, Skype, eBay ed altri giganti del settore, timorosi per altro che l'estendersi del controllo su Internet da parte di alcuni operatori vada a intaccare alcuni dei propri interessi; per quanto riguarda specificamente il risvolto americano della questione, si è comunque in attesa del pronunciamento dall'autorità sulle telecomunicazioni (FCC) e del Congresso degli Stati Uniti.

A casa nostra, pur coi limiti detti prima, qualcosa fortunatamente si muove; peccato che sostituirà soltanto un effetto dimostrativo, almeno sino alle prossime elezioni politiche. Ma se il buon giorno si vede dal mattino, è probabile che i parlamentari che si sono esposti in prima linea non saranno più riproposti al giudizio degli elettori dal loro stesso partito, come è avvenuto in un recente passato.

In attesa di sapere come andrà a finire, due senatori del PD hanno presentato nelle scorse settimane un progetto di legge per investire nell'innovazione tecnologica, adottare soltanto l'Open Source nella pubblica amministrazione e per aprire le risorse del web con banda larga per tutti entro il 2012 nonché eliminare ogni vincolo di tipo censorio sulla rete.

In effetti, è forse la prima volta che viene enunciato in sede parlamentare il principio secondo il quale politici e operatori non debbono fare discriminazioni circa l'accesso a internet e ai suoi contenuti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 8)

Ciao Digirun Avevo il dubbio che fosse un'affermazione un pò esagerata, però resta da dire che la minaccia mi sembra più verbale che seria, a volte si cerca un deterrente per scoraggiare certi comportamenti, ma da dire al fare... sai che chi minaccia spesso lo fa per ottenere l'effetto dell'azione senza poi doverla fare, credo che si... Leggi tutto
20-4-2009 15:23

invece il tempo e passato, l'olio di ricino mica lo trovi facilmente, invece il guttalax lo trovi dappertutto anche in confezioni famiglia ( o partito)! :twisted: Poi il bastone cosi arcaico stile miti pastorelli, oggigiorno c'è il TASER, cosi tecnologico, cosi poco appariscente e cosi tanto doloroso :shock: Poi abbiamo pure il... Leggi tutto
19-4-2009 21:06

Ciao Celestia ho un Carissimo Amico di Cagliari :-) guarda che io a volte "esagero" per cercare di stimolare il discorso, altre volte parlo per allegorie... in fondo sono un Toscanaccio ;-) comunque permettimi di dissentire, in caso di "dittatura" o di "stato di necessità" oppure "legge... Leggi tutto
19-4-2009 19:39

Ciao Digirum Non è che hai le idee un pò confuse? Grida quello che vuoi a chi vuoi, ma commettere reati è un'altra cosa che dire le Tue idee, per quanto possano essere sgradevoli per il Governo o chi per Lui. Uno è dire che il mondo non ci piace e vogliamo cambiarlo, la maggioranza di governo non va e vogliamo un'altro governo, e questo... Leggi tutto
19-4-2009 16:13

Il fatto che io sia identificabile e moderato, non mi impedisce di GRIDARE: LOUISETTE! GHIGLIOTTINE IN PIAZZA! soprattutto davanti al parlamento e al senato! :twisted: eheheh :lol: oh moderami te, vai, Roberto :wink: Leggi tutto
15-4-2009 12:55

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il componente del PC che aggiornerai per primo?
Scheda Wi-Fi
Mouse
Tastiera
Scheda audio
Hard disk
RAM
Schermo
Scheda video
Processore
Tutto il PC

Mostra i risultati (2857 voti)
Maggio 2021
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Bye bye, Emotet
Bambini e smartphone, 1.500 euro di multa ai genitori che non li sorvegliano
Aprile 2021
Office manda in pensione Calibri: quale nuovo font preferite?
Windows 10, arriva l'Eco Mode per far tornare scattante il Pc
Microsoft pronta a lanciare Cloud PC, il desktop in streaming
Aggiornamento Windows 10, problemi di tutti i tipi
Se l'FBI, zitta zitta, si mette a patchare i server altrui
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 10 maggio


web metrics