L'airbag esterno per i pedoni

In caso di collisione si gonfia, solleva il cofano e salva la vita delle persone investite frontalmente, che altrimenti colpirebbero il parabrezza con la testa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-05-2009]

Airbag per pedoni Cranfield University

Secondo le statistiche riguardanti l'Unione Europea, nel 2007 più di 8.000 persone - tra pedoni e ciclisti - sono morte in incidenti stradali in cui sono state travolte da auto.

Per cercare di far calare il numero di morti e feriti, l'Europa ha introdotto alcune regole come l'obbligo di installare sulle nuove vetture dei sistemi di assistenza alla frenata; in questa campagna per la sicurezza, un aiuto può venire dai ricercatori della Cranfield University, in Inghilterra.

Gli studiosi dell'Università stanno testando un sistema di airbag pensato per proteggere i pedoni: non è montato all'interno dell'auto ma all'esterno, tra il cofano e il parabrezza, proprio laddove è più probabile che vada a colpire la testa di un pedone investito frontalmente.

Grazie a un sistema di radar e sensori a infrarossi, il computer di bordo si accorge dell'imminente collisione e gonfia l'airbag e, grazie a un sistema studiato anche dalla Jaguar, solleva contemporaneamente il cofano di diversi centimetri: in questo modo l'impatto viene attutito e i danni limitati.

Che questa non sia solo una teoria è provato dagli esperimenti condotti in collaborazione con gli ingegneri della Fiat su una normale Stilo cui è stato aggiunto l'airbag per pedoni.

Se un'auto standard che colpisce un pedone a 40 Km/h ha un puntaggio di 1.000 secondo l'Head Impact Criterion, la Stilo con soltanto l'airbag sviluppato alla Cranfield ottiene tra i 692 e i 945 punti (minore è il punteggio, minore è la possibilità di ferite letali); se viene attivata anche la tecnologia di sollevamento del cofano, il punteggio cala ancora, oscillando tra i 234 e i 682 punti.

Roger Hardy, del Cranfield Impact Centre dell'Università, ritiene che entro cinque anni questo sistema sarà largamente adottato e non inciderà in modo significativo sul costo finale dei veicoli.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Airbag esterni per l'auto senza pilota di Google
Da Volvo l'auto con airbag esterno per i pedoni

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 27)

quoto!
14-5-2009 00:22

Io ho anche la patente per i camion quindi mi rendo conto che se un pazzo incosciente viene per strada e decide di fare una mossa pericolosa se non esiste il limite fisico per effettuare l'arresto del veicolo o per evitarlo allora l'impatto diventa inevitabile. E stato fatto l'esempio della persona che sbuca fuori dalle strisce pedonali... Leggi tutto
14-5-2009 00:11

Ma nella savana non corrono i camion dei pompieri e le ambulanze? (cit.) Leggi tutto
13-5-2009 20:12

Sintetizzo per chiarire (o al meno ci provo) Io sono per proteggere i più deboli sempre, malgrado loro!:help: Non ho mai detto che tutta la colpa sia da una parte sola ma chi ha più potenza di fuoco (un'automobile che pesa una tonnellata o più ma basta anche uno scooter da 175 kg per uccidere un passate) deve avere doppia prudenza.... Leggi tutto
13-5-2009 18:43

parabufali Leggi tutto
12-5-2009 19:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la più grande inquietudine che hai a casa e che la domotica potrebbe risolvere?
Sentirsi insicuri in casa quando si è lì da soli.
Che le persone lascino le luci accese quando non serve.
Dimenticarsi se le porte sono state chiuse a chiave o se le finestre sono state chiuse a dovere.
Familiari anziani non autosufficienti quando in casa sono soli.
Preoccuparsi della sicurezza quando siamo lontani.
Perdere tempo a girare per casa ad accendere o spegnere le luci.
Preoccuparsi che le attrezzature della cucina (per esempio il forno) siano state lasciate accese accidentalmente.
Preoccuparsi che la casa sembri vuota quando siamo lontani.
Possibili incidenti nelle zone della casa che non sono adeguatamente illuminate durante la notte.
La casa è troppo calda o troppo fredda per il dovuto comfort.

Mostra i risultati (968 voti)
Agosto 2020
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Hai installato Immuni?
Tutti gli Arretrati


web metrics