La casa del futuro è già tra noi

Una tecnologia già esistente per premiare l'ecocompatibilità e rendersi indipendenti da ogni fonte di energia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-06-2009]

Parrebbe un sogno, prodursi in proprio l'energia necessaria al normale fabbisogno e il tutto a un costo vicino allo zero; tranne ovviamente il necessario investimento iniziale. Però quest'ultimo non è così penalizzante come a tutta prima si potrebbe supporre, soprattutto in termini di spazi da impegnare.

Infatti un'abitazione "quasi completamente ecologica", nel senso che sia in grado di produrre energia elettrica ed acqua calda è realizzabile da qualche anno a condizione che siano disponibili larghi spazi per pannelli solari e fotovoltaici nonché terreni atti ad accogliere gli scavi profondi necessari alle pompe di calore.

Invece la nuova tecnologia, già in uso presso la cooperativa della Fabbrica del Sole non a caso è denominata "Off-Grid" cioè Fuori Rete ed è intesa a fare a meno di tutto quanto sinora indispensabile anche alle realizzazioni ecocompatibili e cioè gli acquedotti e gli impianti di smaltimento delle acque reflue, bianche e nere.

Inoltre l'impianto sarà totalmente indipendente dai fattori ambientali, mentre l'eolico e i diversi pannelli sono più o meno legati alle condizioni climatiche del momento e condizionati dal problema dell'accumulo e conservazione dell'energia eventualmente prodotta in più.

L'avventura Off-Grid parte dalla constatazione che in definitiva l'idrogeno in questi ultimi anni è divenuto relativamente semplice da produrre e, se conservato opportunamente, non presenta pericoli in quanto le eventuali perdite si disperderebbero verso l'alto.

La produzione dell'energia necessaria (batteria solare o altra fonte rinnovabile) è indirizzata all'elettrolizzatore, un macchinario che potrebbe essere contenuto nel bagagliaio di un'auto che ha il compito di scindere le molecole dell'acqua piovana, raccolta in una piccola cisterna interrata.

Il gas prodotto può essere contenuto in bombole a bassa pressione per essere utilizzato direttamente come combustibile per i più svariati usi o riconvertito in energia elettrica mediante l'impiego di fuel-cell.

L'ovvio vantaggio è che si avrà energia elettrica sempre disponibile anche durante i lunghi periodi invernali o in condizioni climatiche avverse; quanto all'acqua da bere si ottiene attraverso un comune potabilizzatore, mentre quelle normalmente smaltite negli impianti fognari dovranno subire un processo di decantazione e purificazione per essere rese idonee a usi domestici non alimentari compreso il riscaldamento mediante pannelli radianti inseriti nei muri.

Il raffreddamento, quando necessario, può essere prodotto mediante l'impiego di pannelli solari, dai quali l'acqua riscaldata va ad attivare una cella frigorifera. Il sistema pensato per gli immobili di nuova costruzione, meglio se casette indipendenti con circostante terreno a disposizione, ha il pregio di poter ridurre gli oneri di urbanizzazione primaria.

Quanto ai costi di installazione dell'intero sistema Off-Grid dovrebbero essere contenuti in circa un decimo del costo dell'intero fabbricato, con manutenzione annua ordinaria e straordinaria stimata non superiore all'1% nel medio periodo.

Unico difetto: non è ancora disponibile un collegamento gratuito alla rete Internet; ma forse quelli della Fabbrica del Sole dopo aver realizzato una "cosa impossibile" stanno già lavorando anche ai miracoli.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Se non ricordo male (ma non ho controllato) sul sito della cooperativa da qualche parte si parlava di un 100 mila euro (costo del terreno a parte). Leggi tutto
10-6-2009 16:38

sicuramente non sono pochini...ma se spendi 400.000 euro (che gi non sono pochini) non tanto tanto di pi...IMHO sono di pi le tasse che sborsi per quella villetta, senza contare che comunque se fossi in grado di produrre energia e riscaldamento da te il risparmio assicurato e tangibile...quanto spendi per la corrente il gas e... Leggi tutto
10-6-2009 12:21

si parla di costi pari al 10% sulla costruzione della casa, considerando che per fare una villetta da 100 mq a due piani (non ristrutturarla, ma farla da zero) costa circa 400 000 euro, farla eco-compatibile coster 40 000 euro, che non sono pochi :D
10-6-2009 12:00

AL CONTRARIO, chi di dovere CI GUADAGNA! :evil: BANCHE, INDUSTRIALI, PETROLIERI.....POLITICI :roll: Leggi tutto
10-6-2009 11:48

Ad essere precisi, l'aumento esponenziale della popolazione mondiale cominciato a partire dalle conquiste scientifiche in campo medico raggiunte nel periodo del Rinascimento, che hanno permesso all'uomo di superare il "calmiere" naturale dettato dalle epidemie: in particolare, poi, l'aumento della popolazione si ... Leggi tutto
10-6-2009 11:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual la politica della tua azienda nei confronti dei dispositivi mobili dei dipendenti? Bring Your Own Device oppure Corporate Owned, Personally Enabled?
BYOD
COPE
Non c' una policy dominante, dipende dagli utenti
Non lo so
Non lavoro in un'azienda

Mostra i risultati (965 voti)
Settembre 2023
Microsoft, minireattori nucleari per alimentare i datacenter della IA
NFT senza valore, la bolla è scoppiata
X (ex Twitter), tutti gli utenti dovranno pagare
iPhone 15, il connettore USB-C è zoppo
Il bug di Windows che rende velocissimo Esplora File
Lidl, merendine ritirate: invitavano a visitare sito porno
Meta pensa a Instagram e Facebook a pagamento nella UE
Agosto 2023
Chrome, nuova interfaccia: ecco come abilitarla
L'Internet delle brutte Cose
LibreOffice balza dalla versione 7.6 alla 24.2
La scorciatoia che “congela” Gestione Attività
Ford agli utenti: spegnete il Wi-Fi dell'auto
Sony e Universal contro i 78 giri dell'Internet Archive
Meloni decide la nazionalizzazione di TIM
Da Z-Library un'estensione per aggirare i blocchi
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 settembre


web metrics