Il Pd dice no a Berlusconi in Telecom Italia

L'ex ministro Gentiloni a nome del Pd rifiuta l'ipotesi di scorporo della Rete in cui sia presente Mediaset.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-05-2009]

paolo gentiloni

Ai problemi dello sviluppo della banda larga in Italia il Partito Democratico dedica oggi un convegno nazionale. Vi hanno partecipato i maggiori esponenti delle società di telco italiane, da Bernabè di Telecom Italia a Bortoluzzo di Vodafone, e lo stesso "superconsulente" Francesco Caio, del cui rapporto sulla banda larga si fa un gran discutere in questi giorni.

All'ex ministro alle Comunicazioni Paolo Gentiloni, oggi responsabile del settore per il Pd, è stata affidata la relazione introduttiva. Il maggiore partito dell'opposizione ha preso una netta posizione sulle ipotesi di scorporo della Rete Telecom Italia, con un'eventuale partecipazione della società Mediaset, di proprietà del premier Berlusconi.

Gentiloni ha affermato: "Una cosa tutti devono avere chiara: una riedizione di cordate sul modello Alitalia per gestire la rete di Tlc scorporata, ipotesi quale si è giustamente ribellato il vertice Telecom, troverebbe un'opposizione frontale da parte del Pd oltreché delle forze sindacali, giustamente preoccupate anche per le incognite sul piano occupazionale in una situazione difficile".

Per quanto riguarda le voci di una fusione tra Telefonica e Telecom Italia, Gentiloni ha aggiunto: "Capisco il possibile interesse industriale degli azionisti spagnoli e l'eventuale interesse finanziario di quelli italiani; ma tali interessi non sembrano in questo caso coincidere con l'interesse generale del Paese nei confronti di un'azienda tanto strategica".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Beh se anche telecom finisse nelle mani di Berlusca...siamo a posto, anche perchè se Mediaset ha voglia di buttarsi e controllare anche quel campo, un motivo ci sarà, e (se succederà ) lo vedremo fra qualche anno. Così a freddo dò ragione a zeross, per mettere ancora più alle strette sky. Di certo sto qua che parla a nome del Pd, non mi... Leggi tutto
22-5-2009 10:13

Caro Zeross, un solo commento lapidario: C'è chi si taglierebbe i gioielli di famiglia pur di far dispetto alla moglie! :lol:
21-5-2009 14:32

Stupendo discutere con animosità porta a galla le rivalità senza far emergere proposte concrete utili per la comunità. Inoltre il fuoco ardente della passione spegne il raziocinio impedendo la formulazione di pensieri profondi ed elaborati, poiché bisognosi di riflessione e calma, stati di animo incompatibili con lo spirito battagliero... Leggi tutto
21-5-2009 13:35

caro oxo, speriamo che il Berlusca vada presto in pensione e così eviteremo, ogni volta si parli o si porti ad esempio qualcuno di sinistra, non venga fuori la solita tiritera: "sei con Berlusconi! Vergogna!!!". Ma sono già convinto che la stessa solfa sarà con chi prenderà il suo posto. Non parlo di te ma dopbbiamo uscire da... Leggi tutto
21-5-2009 10:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
La discriminazione è più difficile da vedere rispetto al passato, ma c'è sempre. Quale di queste affermazioni ti senti di condividere maggiormente?
Le donne spesso sono additate come più pettegole degli uomini e ritenute meno simpatiche.
Le donne hanno più difficoltà degli uomini a ricevere il giusto credito quando partecipano a progetti di gruppo.
Le donne sono giudicate più severamente degli uomini per il loro aspetto.
Le donne in genere ricevono delle proposte economiche più basse degli uomini, a parità di posizione.
Le donne sono ritenute non qualificate fino a quando non hanno dato prova di esserlo, agli uomini accade meno spesso.
Le donne vengono promosse in base ai risultati, gli uomini (anche) in base al potenziale.
Le donne spesso non vengono invitate tanto quanto gli uomini a eventi di socializzazione come le uscite al pub o a vedere le partite.

Mostra i risultati (1177 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 23 gennaio


web metrics