Doverose domande da rivolgere a Umberto Rapetto

L'ultima operazione di polizia scaturita dal gruppo speciale di Umberto Rapetto, insieme a molti altri episodi di repressione recentemente registrati in Rete, porterà forse un domani a fare una trasmissione intitolata 'C'era una volta la libertà d'espressione sul Web'. Sarebbe quanto meno opportuno che il comandante del Gruppo Anticrimine Tecnologico (GAT) della Guardia di Finanza rispondesse a qualche interrogativo che in moltissimi si stanno ponendo in questo momento in Rete.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 19-01-2002]

Spettabile redazione di Radio Capital,

dal sito web capital.it si evince che Umberto Rapetto, comandante del Gruppo Anticrimine Tecnologico (GAT) della Guardia di Finanza, tiene una trasmissione quotidiana alle 15:45 dal titolo "C'era una volta il Web".

Vista l'ultima operazione di polizia scaturita dal suo gruppo speciale, che insieme a molti altri episodi di repressione recentemente registrati in Rete porterà forse un domani a fare una trasmissione titolata "C'era una volta la libertà d'espressione sul Web", sarebbe quanto meno opportuno che Rapetto rispondesse a qualche interrogativo che in moltissim* si stanno ponendo in questo momento in Rete.

1) Dall'irruzione alla scuola Diaz all'ultima notizia dell'utilizzo durante il G8 di Genova di lacrimogeni di tipo CS che, secondo studi e ricerche epidemiologiche effettuate in tutto il mondo, provoca danni permanenti alla salute tanto da essere stato proibito dalla Convenzione mondiale sulle armi chimiche (vedi a tal proposito l'inchiesta del senatore Verde Francesco Martone); le forze dell'ordine - guardie di finanza incluse - non hanno mostrato al mondo intero una grande immagine di sè di efficienza e di rispetto delle leggi; forse questa operazione così ben illustrata mediaticamente ha anche lo scopo di riacquistare un certo credito e una nuova immagine agli occhi di molti?

2) Come mai l'operazione "high-tech hate" arriva ora dopo tanti mesi? E' vero che è stata necessaria una lunga e laboriosa competenza privata esterna di una ditta di Ravenna?

3) Non pensate che la legislazione italiana in materia di reati informatici sia del tutto inopportuna in generale e nello specifico del caso anche? Ad esempio lo stesso Rapetto potrebbe essere denunciato e indagato in quanto coautore di un libro sulle tecniche di intercettazione e controintercettazione telefonica e ambientale: ha infatti diffuso indicazioni o istruzioni idonee a compiere reati anche di tipo informatico (Art. 615-quater - Detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso a sistemi informatici o telematici. - Chiunque, al fine di procurare a sé o ad altri un profitto o di arrecare ad altri un danno, abusivamente si procura, riproduce, diffonde, comunica o consegna codici, parole chiave o altri mezzi idonei all'accesso ad un sistema informatico o telematico, protetto da misure di sicurezza, o comunque fornisce indicazioni o istruzioni idonee al predetto scopo, è punito con la reclusione sino ad un anno e con la multa sino a lire dieci milioni).

La legislazione italiana sull'argomento quindi non solo è spropositata dal punto di vista repressivo ma anche inadeguata, prendiamo ad esempio il caso dei log, strumento sicuramente adoperato anche in quest'ultima indagine: alla domanda "che valore hanno i log?" l'autorevole avvocato Andrea Monti così risponde: "Da soli, praticamente nessuno, visto che non sono generati e memorizzati in modo che nessuno possa alterarli. In altri termini, alla fine della fiera un log è un file di testo. Se un provider consegna un log alla magistratura, e se non vengono seguite alcune cautele, come si fa a dire che quel file descrive esattamente quello che è successo su una certa macchina? Può sembrare un cavillo avvocatesco, e probabilmente lo è, ma nei processi esiste la regola che una cosa sono le prove, una cosa sono le congetture e le deduzioni. Un log senza alcun riscontro (analoghe entry presenti in server remoti, elementi riscontrati sulla box del sospettato ecc.) è carta straccia." (testo trovato dopo ricerca su Google con stringa Legge e conservazione dei log).

4) Pensate davvero che i responsabili dei servizi in cui è stato fatto il defacement non hanno nessuna responsabilità? Qualora contenessero dati personali ricadrebbero nel reato introdotto dalla legge 675/96: omessa adozione di misure di sicurezza, sanzionato penalmente con la reclusione fino a due anni. Adempimenti noti come misure minime di sicurezza previsti nella L.675/96 e codificati nel DPR 318/99 di carattere sia tecnico che amministrativo sono infatti obbligatori. (vedi anche questa pagina di Interlex).

Su un piano più genericamente politico, fra un adulto super-pagato da importanti istituzioni e un quindicenne smaliziato, è davvero il quindicenne a dover pagare per un server configurato ingenuamente da un punto di vista della sicurezza?

5) Pensate davvero che, a fronte di quanto sta succedendo nel mondo, un giovanissimo che entra in un server, non danneggia niente ma commette un atto pacifico, immediatamente controvertibile e squisitamente simbolico e politico come apporre un testo di denuncia delle ingiustizie ed orrori del mondo, debba rischiare tre anni di galera?

In attesa di un riscontro i miei più

Cordiali Saluti

Ferry Byte (e altri firmatari dalla mailing list Cyber Rights)

p.s.
la missiva è spedita per conoscenza a liste di discussione e media interessat* all'argomento

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Massimiliano
IF Paradosso="true" than loop //siamo in Italia! Leggi tutto
19-1-2005 11:14

calogero
io non capisco il pricipio secondo cui si paragonano dei personaggi che rompono i coglioni pensando di essere forse dei robin hood moderni e che poi piangono chiedendo aiuto quando li vanno a prendere (a questo proposito dovrebbero andare a vedere il trattamento ad essi riservato negli altri stati ) alla liberta' di... Leggi tutto
27-8-2004 22:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In che modo salvi informazioni importanti affinché nessuno le possa vedere sul tuo computer?
Salvo tutti i dati più importanti in una cartella protetta da password
Nessuno accede al mio computer
Il mio dispositivo è protetto da una password
I dati più importanti sono protetti da crittografia
Proteggo i miei dati quando presto il computer a un'altra persona
Elimino tutti i dati che non voglio che nessuno veda
Non ho dati importanti da proteggere

Mostra i risultati (1714 voti)
Dicembre 2022
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 4 dicembre


web metrics