La galleria degli orrori Microsoft

Avrete forse sentito della strombazzata iniziativa di Bill Gates di introdurre l'informatica sicura, che lui chiama "trustworthy computing".



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-02-2002]

Lasciamo stare il fatto che l'annuncio implica che il software Microsoft che abbiamo usato finora era insicuro (caso mai non ce ne fossimo accorti). Lasciamo stare il fatto che Microsoft ha annunciato che per un mese non scriverà software nuovo e si dedicherà a risolvere le magagne di quello esistente.

Scusatemi, ma questa non riesco a non commentarla. Un mese? Che sforzo, ragazzi. Temo un effetto imitativo. Risolviamo definitivamente la sovrappopolazione mondiale: basta che ci asteniamo tutti dal sesso per un mese. Risolviamo una volta per tutte il caos giudiziario italiano: nessun commetta più reati per un mese. Eliminiamo per sempre l'inquinamento: nessuno guidi per trenta giorni.

Lasciamo stare questi momenti di comicità involontaria e dedichiamoci alla comicità intenzionale. Un burlone ha infatti registrato il dominio trustworthycomputing.com, spiazzando Microsoft, che sembrava intenzionata a usare quest'espressione come emblema della propria iniziativa per la sicurezza. Il bello è che se visitate il sito, venite teletrasportati al motore di ricerca Google, impostato in modo da elencare le più gravi falle di sicurezza di cui si è rivelata colpevole Microsoft.

Il sito: www.trustworthycomputing.com

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (3)

Paolo Attivissimo
dodecalogo Leggi tutto
28-3-2004 16:30

Mik
dodecalogo Leggi tutto
28-3-2004 16:10

Alexander bonivento
Ma l'avete visto ORA? Leggi tutto
20-3-2003 14:58

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (407 voti)
Dicembre 2022
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 10 dicembre


web metrics