Google rilascia Chrome per Linux a 64 bit

La versione 4.0.202.2 non si basa più sulle librerie a 32 bit, diventando la prima a essere davvero a 64 bit.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-08-2009]

L'ultima versione rilasciata di Google Chrome per Linux, la 4.0.202.2, ha un'importanza particolare: non solo porta con sé le correzioni di molti bug ma è la prima a supportare pienamente le piattaforme a 64 bit.

Chromium Linux per le architetture a 64 bit, in realtà, già esisteva; tuttavia finora si basava sulle librerie a 32 bit. Chrome 4.0.202.2 è dunque la prima versione a essere veramente a 64 bit.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)


ma fatemi capire, io sapevo che la versione a 32 bit fosse tutt'altro che un prodotto da usare regolarmente, bensì un prodotto in via di sviluppo. Adesso messa così 'sta notiziuola sembrerebbe quasi che della 32 bit nun se ne "interessa" chiu' nisciuno e tutti corrono verso la 64 bit. Sinceramente non sento ancora tutta questa... Leggi tutto
24-8-2009 21:39

Nonostante tutto l'impengo di Google per Linux non sembra cosi sentito come la versione per windows e questo forse dipende dal fatto che Google ha anche il suo sistema operativo, per cui impegnarsi con Linux, concorrente diretto non è molto appettibile. Questo può spiegare il ritardo nell'allestire la verisone a 64 bit.
24-8-2009 21:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (358 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics