Woofer, il primo servizio di macroblogging

È l'opposto di Twitter: ogni "Woof" deve essere lungo almeno 1.400 caratteri. Ha già attirato 9.000 utenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 31-08-2009]

Woofer macroblogging parodia di Twitter

Se Twitter ha conquistato la Rete con soli 140 caratteri, chissà che cosa farà Woofer, il sito che rovescia il concetto di microblogging creando il macroblogging.

Woofer, che nasce proprio come parodia di Twitter (del quale i suoi creatori si dicono grandi estimatori), anziché imporre un limite massimo di caratteri per ogni Woof impone un limite minimo: ogni post deve contenere almeno 1.400 caratteri.

Gli utenti di Twitter possono usare il proprio username per accedere a Woofer, ma il servizio è aperto a chiunque.

È vietato barare: creare un post ripetendo sempre la stessa lettera si risolverà con un ironico "Puoi fare di meglio"; così gli utenti si sbizzarriscono nel citare opere famose e discorsi storici.

Pur se nato con un intento più che altro ludico - anche perché la differenza con un blog tradizionale è per certi versi davvero minima - Woofer ha già raccolto l'adesione entusiastica di quasi 9.000 utenti provenienti da ogni parte del mondo, che abbaiano interminabilmente nelle rispettive lingue.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Grande novità... Leggi tutto
1-9-2009 13:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Dal 2013 è obbligatoria l'iscrizione online per le prime classi di tutte le scuole. Secondo te...
E' giusto e da Paese civile.
Molte famiglie saranno in difficoltà perché non hanno la connessione o non navigano in Internet.
Va bene ma ci vuole un supporto per le famiglie che ancora non navigano in Rete.

Mostra i risultati (1476 voti)
Settembre 2020
Vecchio televisore mette KO la connessione Adsl di un intero paese
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Tutti gli Arretrati


web metrics