Domini .it, addio alla LAR via fax

Dopo quasi 10 anni, Ŕ finalmente possibile registrare un dominio .it direttamente online. La lettera di Assunzione ResponsabilitÓ va in pensione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-09-2009]

Domini .it addio fax lar

Il commento pi¨ diffuso Ŕ "finalmente": finalmente per registrare un dominio .it non Ŕ pi¨ necessario inviare un fax ma si pu˛ eseguire l'intera procedura direttamente online, come avviene in tutte le nazioni civili.

Il giorno in cui il grande cambiamento ha inizio Ŕ il 28 settembre anche se, per dare tempo a tutti i Registrar di aggiornarsi, il Registro .it ha deciso che per i prossimi due anni resterÓ attiva anche la vecchia modalitÓ - ossia quella che prevede anche l'invio del fax - che passa sotto il nome di modalitÓ asincrona.

Finora, chi voleva un dominio .it doveva anche inviare via Fax una Lettera di Assunzione di ResponsabilitÓ (Lar) all'Istituto di Informatica e Telematica del Cnr di Pisa; la lettera veniva manualmente presa in considerazione dagli addetti: pi¨ di 1.700.000 domini sono stati registrati in questo modo.

L'altra modalitÓ - quella esclusivamente online - prende invece il nome di modalitÓ sincrona e, per il Registrante (ossia per colui che vuole aggiudicarsi un dominio), le cose diventano pi¨ semplici: la registrazione avviene in tempo reale e interagendo soltanto con il Registrar.

"Il sistema" - spiega il Registro .it - "Ŕ basato sul protocollo EPP (Extensible Provisioning Protocol). Il Registro .it gestisce e mantiene aggiornato l'archivio dei nomi a domino (DBNA, database dei nomi a dominio assegnati): il database Ŕ unico sia per i domini sincroni che per quelli asincroni. I dati sono liberamente visualizzabili, nei limiti del rispetto della privacy degli utenti".

I vari Registrar - compreso quello che forse Ŕ il pi¨ famoso, Register.it - si stanno attivando per adeguarsi all'atteso rinnovo della procedura e in molti casi sono giÓ pronti a supportare la modalitÓ sincrona.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

{Valvola Enzo}
resta anche da vedere se hanno eliminato tutti i casini per il cambio mantainer/proprietario...Adesso e' un'odissea.
29-9-2009 11:21

{Roberto Mogliotti}
lo sa solo belzebu' il tempo che mi hanno fatto perdere, maledetti
29-9-2009 11:20

Concordo con i commenti precedenti, il ritardo italiano Ŕ tipicamente allineato ai tempi della ns. legislatura e/o burocrazia. Vorrei far notare che questa normativa sulla registraz. dominii .it era solo la punta di un iceberg, in Italia abbiamo ancora oggi nel settore delle comunicazioni delle leggi attive ed applicate, la cui... Leggi tutto
29-9-2009 11:12

benvenuti nel 21mo secolo!!!!!
29-9-2009 02:35

{Giuseppe Rossi}
Livello medio Leggi tutto
28-9-2009 18:43

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual Ŕ il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google Ŕ veramente brutta! Pi¨ che un auto Ŕ un'ovovia.
Ci toglierÓ il piacere di guidare e la nostra vita sarÓ un po' pi¨ triste.
AvrÓ un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarÓ maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi pi¨ lunghi o pi¨ lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non Ŕ chiaro di chi sarÓ la responsabilitÓ civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
SarÓ esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocitÓ o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno pi¨: giÓ immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1853 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics