Maroni, rimandato il giro di vite sulla Rete

La proposta del Ministro dell'Interno avrebbe bisogno di "aggiustamenti". Ma secondo Schifani Facebook è più pericoloso dei gruppi degli anni '70.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 18-12-2009]

Rimandato Ddl Maroni Facebook Internet Schifani

Il ministro Maroni ha mantenuto la promessa: durante il Consiglio dei Ministri di ieri, giovedì 17 ottobre, ha proposto un disegno di legge da sottoporre al Parlamento al fine di introdurre norme circa l'oscuramento dei messaggi violenti (e non più di interi siti come sembrava volesse ordinare il decreto legge ventilato in origine) e il reato di "turbativa di manifestazione".

Sfortunatamente per lui non ha trovato l'accordo dei colleghi: ciò significa che, per il momento, la questione resta ferma in attesa di nuove discussioni; pare infatti che i ministri abbiano chiesto di apportare alcune modifiche alla proposta.

La sospensione risulta dunque soltanto temporanea mentre altri esponenti della maggioranza non nascondono certo il proprio livore verso la Rete e i social network, Facebook in primis.

A esprimersi con innegabile chiarezza è il presidente del Senato, Renato Schifani, il quale non ha esitato a delineare una situazione peggiore di quella degli anni '70: su Facebook - ha dichiarato l'onorevole Schifani - "si leggono dei veri e propri inni all'istigazione alla violenza. Negli anni '70, che pure furono pericolosi, non c'erano questi momenti aggregativi che ci sono su questi siti. Così si rischia di autoalimentare l'odio che alligna in alcune frange".

Di fronte a quest'accusa il social network non è certo rimasto silente: "Su Facebook non è permesso pubblicare contenuti minacciosi, promuovere o incoraggiare atti violenti, contro chiunque e in qualunque luogo. Provvederemo a rimuovere qualunque contenuto di questo tenore".

Anche Facebook sembra sostenere quello che per molti è il vero motivo dietro la mancata approvazione del Ddl da portare in Parlamento: le norme per Internet - che siano leggi dello Stato o Condizioni d'Uso del network - già esistono e non è necessario imporre alla Rete altri cavilli.

Al limite si può sostenere che Facebook non abbia agito con tempestività sufficiente, ma è anche vero che i tempi sono stati molto ristretti.

I prossimi giorni saranno decisivi per gli "aggiustamenti" che, secondo il Ministero dell'Interno, il Ddl Maroni dovrà subire prima di tornare in Consiglio dei Ministri: la partita, insomma, resta aperta.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 21)

Vallo a raccontare a Elvo Zornitta... vogliamo chiedergli cosa ne pensa di questa visione? Leggi tutto
28-12-2009 18:32

E' vero, non tutti spero. L'importante è dare un nome all'opinione pubblica per non avere rogne, poi anche se il vero colpevole è fuori a loro pesa poco fino a che questo ricade nel suo crimine. Leggi tutto
28-12-2009 14:15

Nel mondo reale, purtroppo, esistono poliziotti che non ti fanno alzare dalla sedia fino a che non costruiscono prove della tua colpevolezza. Soprattutto se l'opinione pubblica lamenta la necessità di un colpevole. Sono pronto a dimostrare la possibilità pratica di realizzare quanto affermo: trovare reti wireless aperte è alla portata... Leggi tutto
28-12-2009 00:20

Francamente non capisco perché si continui a fantasticare su indirizzi IP e router bucati, portati ad esempio di impunità e impossibilità di identificazione. Nel mondo reale (non nel paradiso geek) esistono poliziotti che non ti fanno alzare dalla sedia fino a che non riescono ad ottenere le informazioni che stanno cercando.
27-12-2009 23:48

{cheimporta}
uso tecnologia = aggravante Leggi tutto
22-12-2009 10:28

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai dei rimpianti per la tua vita finora?
Avrei voluto vivere la vita secondo le mie inclinazioni e non secondo le aspettative degli altri.
Ho fatto l'amore meno di quanto mi sarebbe piaciuto.
Non avrei voluto lavorare così duramente.
Ho viaggiato meno di quello che avrei voluto.
Avrei voluto avere il coraggio di esprimere di più alcuni miei sentimenti.
Avrei voluto restare di più in contatto con i miei amici e di chi mi ha voluto bene.
Ho guadagnato meno soldi di quanto avrei desiderato.
Avrei voluto consentirmi di essere più felice.

Mostra i risultati (2705 voti)
Aprile 2020
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Tutti gli Arretrati


web metrics