SIMputer, il Pda per il terzo mondo

Si chiama SIMputer il palmare destinato all'informatizzazione dei Paesi in via di sviluppo. Sembra un'esagerazione, invece una casa indiana ha ideato e costruito questo nuovo palmare, distribuendolo in India e aprendo la strada a una nuova fetta di mercato, quella delle persone meno informatizzate e a basso reddito, che non si possono permettere un comune PC.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-04-2002]

SIMputer, il Pda per il terzo mondo L'idea di SIMputer (acronimo che sta per Simple, Inexpensive, Multi-lingual computer) è nata da quattro informatici indiani che hanno deciso di combattere l'analfabetismo informatico di cui sono vittime gli abitanti dei Paesi più poveri e in via di sviluppo. Probabilmente i PC tradizionali sono troppo costosi per quelle economie che stanno emergendo, ma magari un oggettino del genere è più alla portata e stimola di più la curiosità delle masse che si avvicinano al mondo dell'informatica.

Leggiamo insieme le specifiche di questo nuovo palmare, che a prima vista non sembrano proprio male: partiamo dal processore a 32-bit Strong Arm SA-1100 RISC, con una frequenza di 200 MHz. Scorriamo le specifiche e vediamo che questo palmare è dotato di 32 MB di DRAM, poi ci sono 24 MB di memoria Flash per l'archiviazione permanente, mentre il display è monocromatico con una risoluzione di 320x240. Vediamo cosa ci dicono ancora: si può interagire con il palmare tramite una penna, in dotazione, direttamente sullo schermo (touch screen). In più si possono vedere connettori per casse, microfono, telefonino e una porta USB. Il sistema operativo installato è Gnu/Linux: ciò garantisce una buona funzionalità con costi molto contenuti, mentre il modem incorporato permette di trasmettere sia dati che fax. E' anche in grado di leggere e riprodurre MP3.

Infine il prezzo: sono 9000 Rupie, al cambio circa 180 euro, proprio non male. Un'altra qualità di questo prodotto è la capacità di tradurre simultaneamente in più lingue e alcuni dialetti (peccato, non sono specificati quali) e di non essere vincolato all'utilizzo di una tastiera, che dovrebbe rendere più semplice l'utilizzo per gli analfabeti tramite l'interfaccia grafica e il riconoscimento vocale.

La curiosità cresce, ma le notizie a disposizione non sono ancora moltissime, pensare che in India dovrebbe essere in commercio dal mese di marzo di quest'anno. Speriamo arrivi presto anche sul nostro mercato, un prodotto di buona qualità e costo molto contenuto potrebbe interessare anche a molti di noi e, forse, potremmo scoprire che avere un buon sistema portatile non vuol dire necessariamente investire un capitale.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Parlamento una proposta di legge vorrebbe obbligare i nuovi esercizi pubblici (ristoranti, negozi e via dicendo) a mettere a disposizione gratis degli utenti la possibilitÓ di navigare col Wi-Fi in Internet. Secondo te...
╚ una novitÓ giusta e moderna.
╚ un obbligo (costoso) in pi¨, da evitare.
Ottimo, ma si dovrebbero prevedere degli sconti fiscali per l'esercente.
La connessione sarÓ lenta, e poi con gli smartphone il Wi-Fi chi lo usa oggi?
Non mi interessa.
Non saprei.

Mostra i risultati (2682 voti)
Marzo 2023
Hyundai: i touchscreen nelle auto sono pericolosi
Windows 11, ancora SSD lenti dopo l'ultimo aggiornamento
La IA entra in Gmail e nei Documenti di Google
Samsung beccata a barare sulle foto della Luna
Perché c'è una fotocamera negli scanner dei supermercati?
Il primo datacenter lunare sta per aprire i battenti
Amazon chiude 8 negozi “senza commessi”
Meta inietterà la IA in WhatsApp, Facebook Messenger e Instagram
Febbraio 2023
Intelligenza artificiale: il programmatore pericoloso
SPID a rischio, due mesi per deciderne il futuro
L'UE vara il Portafoglio per l'Identità Digitale
Sfida su TikTok costringe ad aggiornare 8 milioni di auto
Windows 11 è praticamente uno spyware
La verità sul “massiccio attacco hacker” di cui tutti parlano
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 23 marzo


web metrics