Safer Internet Day, i minori sono soli in Rete

I teenager condividono informazioni personali in Rete e il 75% di loro viene contattato da sconosciuti. Al via opera di sensibilizzazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-02-2010]

Safer Internet Day 2010 minori teenager Rete

Una ricerca, condotta da Microsoft in 11 paesi europei attraverso il portale MSN (per un totale di 14,181 utenti, genitori e minori) e presentata in occasione della Giornata Europea Safer Internet Day 2010 di martedì 9 febbraio, ha mostrato come genitori e figli non siano sempre consapevoli dei pericoli cui questi ultimi possono essere esposti nel Web.

Oggi il 79% dei teenager europei ha almeno una propria pagina su un social network e il 43% ritiene sia pienamente sicuro postare e condividere informazioni personali attraverso i social media, al punto da inserire online anche dati e riferimenti particolarmente sensibili.

In Italia il 26% dei ragazzi condivide il proprio indirizzo di casa, il 56% indica il nome della propria scuola, il 76% si scambia foto e video anche di amici e il 59% l'indirizzo di posta elettronica o di instant messaging.

Il risultato di questa condivisione è che quasi due terzi dei teenager europei (il 63%, mentre in Italia la percentuale è anche più alta: 73%) sono stati contattati online da sconosciuti, cui la quasi la metà dei ragazzi (il 46%) risponde spinta dalla curiosità.

Nonostante tutto ciò, il 59% dei genitori si dichiara sereno sulla navigazione in rete dei propri ragazzi, convinto che sappiano adottare tutte le precauzioni necessarie al punto da non richiedere alcun controllo parentale sulla navigazione, almeno per il 40% dei genitori.

Secondo i teenager, però, è addirittura il 66% degli adulti a non fare nulla per limitare o controllare il loro utilizzo di Internet (il 55% in Italia).

Ciò avviene perché la maggior parte dei genitori - il 77% in Italia - è convinta di saperne abbastanza o molto di computer e Web sebbene, chiedendo ai figli un parere circa le competenze informatiche dei genitori, solo il 56% ritenga di avere mamma o papà sufficientemente competenti sulle nuove tecnologie.

"I nostri giovani" - ha dichiarato il ministro della Gioventù Giorgia Meloni in occasione della Giornata Europea per la Sicurezza in Internet, il cui slogan è Think B4 U post! (Posta con la Testa) - "devono avere tutte le competenze e la sensibilità per gestire correttamente le proprie informazioni personali e i propri comportamenti online".

A questo scopo diversi dipendenti di Microsoft Italia e gli esperti della Polizia Postale terranno speciali lezioni nelle scuole e faranno interventi sulle pagine di quotidiani locali.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Vada per la Polizia Postale. Ma i dipendenti Microsoft cosa ci azzeccano? E soprattutto: chi li pagherebbe? Non Ŕ che abbiamo trovato - con la scusa della sicurezza dei minori in rete - un ulteriore sistema per spillare soldi a Pantalone? Fatemi dire comunque che Ŕ ora che i genitori si sveglino e comincino - senza inutili paranoie ma... Leggi tutto
9-2-2010 11:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai mai acceduto a una rete Wi-Fi di qualcuno senza il suo permesso?
No, mai.
No, ma lo farei se ne avessi la possibilitÓ.
Sý, ma era una rete Wi-Fi pubblica approntata appositamente.
Sý, ma era una rete Wi-Fi lasciata aperta e quindi ci potevo entrare anche senza le credenziali necessarie.
Sý, una rete Wi-Fi privata di cui ho hackerato la password (o di cui ho conosciuto la password).

Mostra i risultati (2154 voti)
Giugno 2023
Pirati del web in lutto: Rarbg chiude per sempre
Venti di tecnocontrollo in Spagna
Maggio 2023
Stack Overflow è la prima vittima della IA
WhatsApp, ora i messaggi si possono modificare dopo l'invio
HP e l'aggiornamento che rende inutilizzabili le stampanti
Windows 10 21H2, aggiornamento forzato in vista
Google Chrome dirà addio al lucchetto da settembre
WhatsApp accede di nascosto al microfono. Solo un bug di Android?
Western Digital agli utenti: gli hacker hanno i vostri dati
Il “Padrino della IA” lascia Google per avvertire il mondo dei pericoli
Aprile 2023
WhatsApp introduce il supporto a più smartphone
La UE metterà il naso negli algoritmi dei giganti del web
Con la vendita della Rete TIM avremo le tariffe più alte
Windows 11 in versione live
Western Digital violata, sottratti 10 Tbyte di dati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 5 giugno


web metrics