Ricatti a sfondo sessuale su Facebook

Diciannovenne ricattava i compagni di scuola, minacciando di pubblicare le loro foto senza veli ed esigendo prestazioni sessuali.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-03-2010]

Anthony Stancl Facebook ricatti adescamento scuola

Quindici anni di galera più tredici di libertà vigilata: tale è la pena inflitta dai magistrati del Wisconsin a un certo Anthony Stancl, diciannovenne reo confesso di ricatti sessuali nei confronti dei suoi compagni di scuola, adescati su Facebook.

Il sistema escogitato era quanto mai semplice: fingendo di essere una ragazza, adescava i giovani mediante una pagina realizzata sul social network, invitandoli a inviare fotografie che li ritraessero completamente nudi; quindi li ricattava minacciando di pubblicare le immagini sul web, costringendoli a compiere con lui incontri sessuali in cambio del silenzio.

Sono oltre trecento le fotografie - tra cui alcune di ragazzini di una quindicina d'anni - che la polizia ha ritrovato sul suo Pc e più di 30 i casi di violenza accertati in sede giudiziaria, nonostante la comprensibile reticenza e vergogna delle vittime del ricatto.

In fondo al giovane delinquente è andata abbastanza bene poiché, forse tenendo conto della sua giovane età, il tribunale è stato clemente; infatti la pena massima edittale avrebbe anche potuto essere di 300 anni, in quanto la legge americana non prevede sconti in caso di continuazione del reato.

Pare che il ricattatore, sebbene si sia dichiarato "dispiaciuto" e abbia affermato di "comprendere la vergogna e il dolore" delle sue vittime, abbia ascoltato impassibile la lettura della sentenza, che è esemplare in ragione del danno prodotto alle vittime.

Assai meno comprensibile appare tuttavia la dabbenaggine dei protagonisti passivi della vicenda; i meno giovani, perché hanno dimostrato che l'età per votare non sempre coincide con l'acquisizione del buon senso comune; i genitori dei ragazzini, in quanto a loro volta colpevoli di omessa vigilanza o, almeno, di completa indifferenza riguardo a ciò che i figli andavano combinando in mancanza di controllo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook, ricatto a luci rosse dopo la chat con una bella donna

Commenti all'articolo (4)

Devono essere dei perfetti idioti per inviare immagini di loro stessi nudi. Ancora pi idioti sono per essersi fatti schedare volontariamente da FB. Oltre alla giusta condanna del predatore sessuale, che ha sfruttato gli appettiti sessuali delle proprie vittime, in quanto per questo motivo che esse che si sono esposte a tal punto, il... Leggi tutto
5-3-2010 16:55

[messaggio rimosso]
3-3-2010 13:32

Giusto qui sopra, mentre scrivo il commento, c' una gif animata che mi ricorda di ZN on Facebook, ma sono cos contento di esserne uscito 2 anni fa. Lo so non un commento molto interessante, anzi proprio non lo , ma ogni volta leggo cose simili me ne ricordo e son contento cos Buona giornata a tutti :)
3-3-2010 07:56

{pippolo}
altrettanti anni avrebbero dovuto infliggere ai genitori dei minorenni coinvolti, oltre che darli in affidamento ai servizi sociali
2-3-2010 20:03

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Che cosa utilizzi prevalentemente per la posta elettronica?
Una webmail
Un client di posta
Entrambi

Mostra i risultati (2668 voti)
Dicembre 2019
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Tutti gli Arretrati


web metrics