Sedicenne querela la madre per un post su Facebook

Un adolescente ha citato in giudizio la madre per molestie. Lo avrebbe diffamato, sfruttando il suo account sul social network.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-04-2010]

Adolescente causa madre Facebook Lane New Denise

Un sedicenne americano ha fatto causa alla madre perché questa ha usato il suo account di Facebook: l'ha accusata di hacking e di aver postato delle affermazioni diffamatorie.

Madre e figlio, residenti nello Stato americano dell'Arkansas, non vivono insieme: il sedicenne abita infatti con la nonna (la separazione ha avuto luogo mentre i genitori stavano divorziando e la madre accusava problemi di salute mentale); nonostante ciò, pare che prima dell'incidente legale avessero un ottimo rapporto.

Secondo l'accusa del ragazzo, la madre si sarebbe introdotta nei suoi account Facebook e email, avrebbe cambiato le password e scritto dei post diffamatori, diffondendo dettagli fasulli sulla sua vita personale.

La madre, Denise New, ammette il cambio delle password (attuato allo scopo di bloccare l'accesso a Facebook) ma non di aver dovuto fare dell'hacking: il figlio, Lane, avrebbe dimenticato di fare logout dopo aver usato il computer di lei, e Denise ne avrebbe semplicemente approfittato.

La signora New ammette anche di aver scritto tre o quattro post, e sostiene di essersi comportata così perché preoccupata da quello che il figlio scriveva.

"Le cose che postava su Facebook avrebbero fatto sgranare gli occhi a ogni genitore decente, e l'avrebbero lasciato a bocca aperta" ha dichiarato Denise New; il figlio, al contrario, ritiene che siano i post della madre ad aver rovinato la sua reputazione.

Lane ha dunque citato la madre per molestie, chiedendo che non abbia più contatti con lui.

Questa dichiara di aver agito dopo aver letto un post di Lane in cui questi confessava di aver guidato, una notte, a 95 miglia orarie (circa 150 Km/h) dopo aver litigato con una ragazza; ci sarebbero altri post che l'hanno convinta ad agire così, ma la signora New non ha voluto dire quali fossero.

Lane New ha intanto aperto un nuovo account su Facebook, mentre la prima udienza di Denise New è fissata per il 12 maggio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il caso di Paola Saluzzi, sospesa per un tweet

Commenti all'articolo (2)

Se la madre incontrerà un giudice bacchettone, il figlio si beccherà, com'è giusto, un par d'anni di galera. Così potrà meditare in pace sul contenuto e significato del IV Com.
8-4-2010 22:08

Chiariamo che la madre scrivendo dei post con l'identità del figlio a commesso il reato di millantato credito, mentre per quanto riguarda la diffamazione bisognerebbe conoscere il testo dei post, mentre l'incoscente figlio sedicenne, se fosse vero che avrebbe guidato infragendo il limite di velocità di 40 miglia all'ora, avrebbe commesso... Leggi tutto
8-4-2010 21:29

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hanno suscitato polemiche in Abruzzo alcuni manifesti pubblicitari con una ragazza in bikini e la scritta: "La diamo a tutti... l'Adsl dove non c'è". Alcuni hanno proposto di farli rimuovere perché lesivi della dignità della donna. Cosa ne pensi?
Sono contrario al ritiro dei manifesti perché sono incisivi e divertenti.
Li trovo volgari ma non credo che si possano proibire.
Bisogna farli rimuovere perché sono vergognosi.
Non penso che aumenteranno gli abbonamenti Adsl, anzi...
Altri gestori hanno fatto di peggio.

Mostra i risultati (3454 voti)
Dicembre 2019
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Tutti gli Arretrati


web metrics