Digitale terrestre e digital divide

La Web TV è la nuova frontiera? In Italia rincorriamo il digitale terrestre. E ci illudiamo che sia un'innovazione.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-05-2010]

DTT e Digital Divide

Basta una ricerca in Rete per rendersi conto di quante siano le fonti che indicano le frontiere della Tv, da Intel che spinge il Wi-Fi per connettere PC e televisore fino alla Google TV, passando per la Web TV (tecnologia di cui si vocifera il sorpasso in tempi brevi sulla televisione tradizionale) lanciata dal parlamento europeo.

Queste sono solo alcune voci che tuttavia ben rivelano l'attuale atteggiamento che le maggiori multinazionali del settore tecnologico hanno nei confronti della TV. E in Italia?

Da noi si prova ancora a dar voce ad una tecnologia (il Digitale Terrestre, o DTT), nata già vecchia ma che ci viene proposta come innovativa, il cui unico effetto è togliere spazio e fondi a quello che dovrebbe essere il vero investimento: colmare l'abisso che si sta creando nelle infrastrutture dedicate alla connessione.

Ciò da un lato comporta un affannarsi a compiere il fatidico switch off nazionale, tanto che è di questi giorni l'annuncio secondo il quale la data per la conversione da analogico a digitale potrebbe essere anticipata a fine 2011.

Dall'altro provoca una perdita di risorse destinate al cablaggio e alle riduzione del digital divide, fenomeno che in misura sempre crescente ci allontana da altri Stati più accorti.

Sono milioni gli euro che a oggi sono andati bruciati in questa scellerata operazione diretta da chi la tecnologia sembra proprio non capirla. L'anticipo dello switch off viene annunciato come un miracolo compiuto, addirittura (cosa rara in italia) anticipando i tempi di consegna, ma nascondendo in realtà il vero problema di fondo: il fatto che i passi compiuti nella direzione della Web Tv sono tali e tanti che essa sarà una realtà ancor prima del 2012.

Il prezzo di tutto ciò lo stiamo già pagando in termini di infrastrutture di connessione, che sono tra le più obsolete dell'occidente. E il loro sviluppo è osteggiato incomprensibilmente da più parti.

È recente la dichiarazione del viceministro Paolo Romani sulle perplessità circa il rifiuto, avanzato da Telecom Italia, di collaborare alla costruzione di una rete moderna: "Mi piacerebbe avviare un tavolo di confronto sul progetto della nuova rete in fibra aperto a tutti gli operatori: a Telecom Italia, ovviamente, e anche a chi, come Tiscali, ha espresso la volontà di partecipare".

Il viceministro allo Sviluppo Economico (con delega alle Comunicazioni) ribadisce l'invito rivolto all'ex monopolista a prendere parte al confronto - "senza pre-condizioni" - che il governo intende avviare sul progetto di rete di nuova generazione; tale invito arriva solo dopo che gli operatori alternativi - Fastweb, Vodafone e Wind - hanno illustrato il loro piano per dotare di una rete in fibra 15 città italiane, per un totale di 10 milioni di utenti, con un investimento di 2,5 miliardi in tre anni.

"C'è qualche diffidenza, qualche perplessità" ammette Romani, il quale osserva che "c'è una rete unica con una Autorità che dispone un canone".

Da parte dell'incumbent - rivela ancora Romani a margine del convegno Il Piano Nazionale Banda Larga promosso dall'Unione delle Province d'Italia e tenutosi a Catania il 20 e il 21 maggio - "ci sono riserve a una soluzione immediata" e, per questo, Telecom "si accosta al tavolo con cautela".

Di questa cautela il viceministro dice di "tenere conto: nessuno ha intenzione di fare alcunché contro un'azienda che investe". Di certo, assicura, nella costituzione del tavolo al Ministero "non ci sono precondizioni né soluzioni precostituite: tutti potranno esprimere il proprio parere".

Ci sarà mai un giorno in cui il nostro Paese potrà ritornare a essere un'incubatrice di idee, com'era considerato un tempo, tanto da fare scuola all'estero?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Rete unica, il Recovery Plan mette i bastoni tra le ruote a Tim

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

{free4ever}
Velocità di testuggine Leggi tutto
29-5-2010 22:14

Mi spiace deluderti, ma l'italia che tu vedi nel futuro ora, nel PRESENTE! Leggi tutto
28-5-2010 01:59

{carrie}
Che arretrati! Leggi tutto
27-5-2010 22:27

si s, ma vederlo di persona fa scena: un p di pioggia stura il segnale!
27-5-2010 13:28

{max}
il digitale Terrestre è una tecnologia superata e ora Rai e Mediaset ci propongono l'ennesimo decoder per vedere i loro programmi,parlo di Tivù sat..a me sembra scandaloso...oltre che obsoleto!
27-5-2010 11:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa utilizzi per inviare messaggi privati?
Uso varie applicazioni su qualsiasi dispositivo disponibile
Uso varie applicazioni sui miei dispositivi
Uso solo applicazioni affidabili su dispositivi di fiducia
Non invio messaggi privati online

Mostra i risultati (946 voti)
Settembre 2021
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Due parole sull’attacco informatico “terroristico” alla Regione Lazio
Windows 365 è già disponibile e costa meno di 30 euro al mese
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 19 settembre


web metrics