Due strumenti open source per accedere ai file di Outlook

Microsoft ha rilasciato sotto licenza Apache due nuovi tool.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-05-2010]

Outlook tool open source Pst Apache license

Microsoft ha deciso di continuare sulla strada inaugurata lo scorso ottobre, quando annunciò che avrebbe aperto il formato proprietario dei file di Outlook, e per questo ha svelato la nascita di due nuovi progetti open source.

Scopo di entrambi è consentire agli sviluppatori un facile accesso alle informazioni conservate all'interno dei file Pst e si pone nella linea indicata a suo tempo all'azienda dall'Unione Europea, ossia l'apertura verso una maggiore interoperabilità.

"La portabilità dei dati è diventata una necessità crescente per i nostri utenti e partner" diceva Microsoft facendo buon viso alle richieste della Commissione e al fine di evitare altri guai per abuso di posizione dominante.

Così oggi diventano disponibili gli strumenti Data Structure View Tool e File Format Development Kit, entrambi rilasciati sotto licenza Apache.

Il primo strumento mostra una visualizzazione grafica della struttura interna al file Pst, facilitando così il lavoro degli sviluppatori; il secondo è una libreria che permette di accedere ai dati contenuti nei file, consentendo così la creazione di nuove applicazioni che ne fanno uso.

E se per ora l'apertura del formato Pst è solo in lettura, presto sarà abilitata anche la scrittura, aggiornando il Development Kit e dando davvero il via alla completa interoperabilità.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

{ken}
omissis "La portabilitÓ dei dati Ŕ diventata una necessitÓ crescente per [noi, l'unica speranza per mantenere] i nostri utenti e partner"
26-5-2010 23:26

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come passi maggiormente il tuo tempo online?
Sui social network
Leggendo e scrivendo email
Guardando filmati
Cercando e leggendo informazioni
Giocando online
Leggendo i blog
Sui forum
Ascoltando musica e radio online
Leggendo quotidiani e riviste
Altro (specificare nei commenti)

Mostra i risultati (1906 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics