La dignitosa privacy e le pedagogiche manette

Il Garante per la Privacy vieta di diffondere le immagini di un sospettato in manette.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-06-2010]

Fabio de Santis Manette garante privacy

Fabio de Santis, ex provveditore alle opere pubbliche della Toscana arrestato per una questione di appalti poco chiari e sospettato di corruzione, è stato condotto in manette davanti ai giudici del Tribunale del Riesame di Firenze e le sue immagini, riprese dalle telecamere, sono arrivate in televisione.

Dopo le rimostranze dei difensori dell'imputato, i quali hanno dichiarato che il loro assistito era "frastornato e amareggiato" per essere stato mostrato al pubblico in manette, il Garante per la Privacy ha ammonito i media, diffidandoli dal diffondere le immagini del detenuto condotto in vincoli.

Per la verità, stupisce un po' che un tale emulo di Fantomas, moderna Primula Rossa e notorio e consumato principe delle evasioni certamente in grado di reiterare i reati ascrittigli, non sia stato condotto davanti al magistrato in ceppi all'uso americano, con le estremità superiori ed inferiori bloccate in vita da corte catenelle che consentono a stento di deambulare.

Altrettanto stupisce che il pericoloso grassatore, reo tra l'altro di aver rifiutato di dichiararsi colpevole e di cooperare fattivamente alle indagini coinvolgendo gli altri suoi pari e magari qualche sinora incognito caporione, non meritasse di essere svergognato innanzitutto dinanzi a se stesso e ai suoi familiari.

Ben conosciuti infatti sono stati, in un passato ancora abbastanza recente, i corroboranti esempi che hanno indotto persone sin lì ritenute integerrime all'abiura e perfino al rituale ed espiatorio seppuku dopo essere state indagate e poi lasciate in balia dei media, televisivi e non, per un tempo adeguato.

È noto infatti come la perdita del rispetto di sé medesimi sia una pietra miliare sulla strada del pentimento prima e del ravvedimento operoso poi.

Vien da domandarsi a questo punto per qual machiavellico marchingegno debba intervenire un'autorità amministrativa a intralciare e quasi vanificare l'opera diligente di chi aveva tutto predisposto per consegnare, alla Storia, un tangibile frammento della storia di un homunculus finalmente tradotto dinanzi alla Giustizia secolare in attesa dell'immancabile condanna di quella divina.

Pur di questi tempi in cui impera la mordacchia, mal si comprende come non debba fare legittima notizia e costituire valido esempio educativo l'immagine di un terribile bandito finalmente tradotto in catene dinanzi a chi dovrà preventivamente stabilirne - orrore! - se gli si debba tuttavia essere consentito di attendere in libertà l'esito del processo.

Sarebbe ancora più opportuno, e forse legittimo, che qualcuno spiegasse come mai è l'autorità amministrativa che si debba preoccupare della dignità personale di un detenuto in luogo e supplenza dell'autorità giudiziaria incaricata delle indagini; e sovvengono purtroppo le scene di uno scomodo film del '71, che nulla aveva di comico nonostante il protagonista. Summa lex, summa iniuria?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 11)

Infatti, sono pienamente d'accordo con te! Ma non solo in Italia ma dappertutto! Ciao Leggi tutto
16-6-2010 22:04

Caro Casella, hai pisciato fuori dal vaso. O sei stato poco chiaro. Non ho tempo di argomentare meglio di così, ma tanto ci ha già pensato l'ottimo Aldo Maggiolo che sottoscrivo in pieno, non avendo tra l'altro nemmeno io capito se fai dell'ironia o no e se sì fino a quale riga, ma soprattutto... verso chi. Forse si tratta di un articolo... Leggi tutto
16-6-2010 18:20

Ho il ricordo indelebile di Enzo Tortora, fotografato e ripreso in tv da mamma RAI (per la quale aveva lavorato fino ad una settimana prima), IN MANETTE. E' molto difficile prendere posizione su casi come questi. Si rischiano pericolosi e dolorosi SCIVOLONI.
16-6-2010 15:10

.Aldo Maggiolo.
La dignitosa privacy e le pedagogiche manette Leggi tutto
16-6-2010 12:26

Privacy !!!!! ma che solerzia questa volta il Garante !!! nello stesso telegiornale ce ne erano altri in manette ma dal Garante nessun divieto. il sottotitolo corretto sarebbe stato: "Il Garante per la Privacy vieta di diffondere le immagini di un solo sospettato in manette."
16-6-2010 11:28

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1964 voti)
Giugno 2020
Windows 10, il nuovo Edge ha iniziato a rimpiazzare il vecchio
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Tutti gli Arretrati


web metrics