E-Skin, la pelle artificiale con il senso del tatto

Restituirà le sensazioni a chi deve vivere con le protesi. Anche i robot saranno simili nell'aspetto agli esseri umani.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 13-09-2010]

e-skin pelle artificiale tatto Berkeley Stanford

Due strade porteranno un giorno alla realizzazione della pelle artificiale: un tessuto che restituirà il tatto a chi deve indossare delle protesi e aiuterà a rendere i robot simili a noi, almeno nell'aspetto e nell'uso dei cinque sensi.

La prima strada è quella percorsa dai ricercatori dell'Università di Stanford, guidati da Zhenan Bao, i quali hanno creato un tessuto basato sul polimero elastico polidimetilsilossano con sensori in grado di percepire "la pressione di un moscerino molto leggero (20 milligrammi) che si posa su di essi".

L'alternativa è stata studiata all'Università di Berkeley dai ricercatori di Ali Javey, i quali hanno utilizzato un tessuto di nanofili di germanio/silicio, creando una matrice che richiede un basso voltaggio per far funzionare i circuiti (meno di 5 Volt) ed è in grado di sentire una pressione tra 0 e 15 KPascal. La loro creazione è già stata battezzata E-Skin.

"Gli esseri umani" - ha spiegato Javey - "in generale sanno come tenere in mano un oggetto fragile come un uovo senza romperlo. Se vogliamo un robot che possa scaricare la lavastoviglie, per esempio, dovremo accertarci che non rompa i bicchieri".

Perché le due tecniche possano creare una pelle in grado di sostituire in toto quella naturale (applicandola a delle protesi) occorrerà ancora molto lavoro, in particolare sull'integrazione con il sistema nervoso.

Più rapida dovrebbe essere l'applicazione della pelle artificiale ai robot, per i quali i lavori su vista e udito sono a uno stadio avanzato, mentre quelli sul tatto finora non avevano dato risultati così buoni quanto quelli ottenibili con le pelli artificiali appena create.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il chip nel cervello che restituisce il senso del tatto

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1815 voti)
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics