PlayBook, il tablet firmato BlackBerry

RIM ha svelato il tablet basato su QNX. Dedicato alle aziende, offre il multitasking e il supporto a HTML 5 e Flash.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-09-2010]

BlackBerry PlayBook tablet QNX

Non is chiama né BlackPad né SurfBook, ma BlackBerry PlayBook: è questo il nome scelto da RIM per il proprio tablet, presentato alla Devcon 2010 di San Francisco da Mike Lazaridis, Ceo dell'azienda canadese.

Lo schermo touch ha una diagonale da 7 pollici (per una risoluzione di 1024x600 pixel) mentre lo spessore complessivo del tablet è di 9,7 millimetri; il processore è un dual-core a 1 GHz accompagnato da 1 Gbyte di RAM e sono presenti due fotocamere.

Come da previsioni il sistema operativo non è BlackBerry OS, ma un software basato su QNX, chiamato BlackBerry Tablet OS e che permette il multitasking. È garantito il supporto a Java, che permetterà di riutilizzare sul tablet le applicazioni per BlackBerry OS 6 scritte in questo linguaggio.

Lazaridis ha spiegato che cosa ha portato alla creazione del PlayBook: "Ci chiedevano una nuova esperienza che permettesse di utilizzare anche fogli di calcolo complessi, presentazioni, e avere una esperienza web senza compromessi".

RIM marcia decisa nella direzione del supporto agli standard, presenti e futuri, del Web: sono supportati HTML 5, CSS e JavaScript, che serviranno anche a creare nuove applicazioni tramite la piattaforma di sviluppo BlackBerry WebWorks, presentata anch'essa alla Devcon.

RIM sottolinea però anche l'alleanza con Adobe, che concretamente passa attraverso il supporto a Flash 10.1 e Mobile Air ed è stata rimarcata, durante la presentazione, dalla presenza del Ceo di Adobe, Shantan Narayen, insieme a Lazaridis.

Il PlayBook è un dispositivo dedicato alle aziende - Lazaridis ha dichiarato esplicitamente che è "enterprise ready" - grazie anche alle prestazioni e all'efficienza che il Tablet OS, grazie al suo cuore QNX, può offrire.

Tuttavia non viene dimenticato il mondo dell'intrattenimento: RIM ha sottolineato che il tablet è in grado di riprodurre video in alta definizione fino a 1080p, che per essere goduti pienamente dovranno sfruttare uno schermo adatto collegato tramite l'uscita HDMI.

Il lancio del PlayBook avverrà inizialmente negli Stati Uniti all'inizio del 2011, mentre in Europa arriverà nel secondo trimestre del prossimo anno; la prima versione supporterà il Wi-Fi a/b/g/n ma avrà bisogno di un BlackBerry per connettersi alle reti mobili 3G, ma più avanti RIM produrrà un modello che integrerà connettività 3G e 4G.

I prezzi non sono stati ancora rivelati, ma si parla di cifre intorno ai 500 euro.

Qui sotto, il video di presentazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Ascesa e caduta di Blackberry

Commenti all'articolo (1)

{myheartisblack}
insomma IL tablet ;)
28-9-2010 23:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Preferiresti lavorare da casa piuttosto che andare in ufficio?
Sì, ma in azienda non me lo permettono.
No.
Sì, ma solo alcuni giorni alla settimana.
Sì, ma solo alcuni giorni al mese.
Sono costretto a farlo ma preferirei di no.
Non lo so.
Non ho un lavoro.

Mostra i risultati (2540 voti)
Marzo 2021
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Febbraio 2021
Nuovi Mac, gli SSD durano pochissimo
Elettrodomestici, A+++ può diventare B o C
Se non accetti le nuove condizioni, WhatsApp ti cancella l'account
Come perdere mezzo miliardo: non serve smarrire la password del wallet Bitcoin
Sms svuota conto corrente: occhio alla truffa
Vendere o comprare una casa online all'asta (senza Tribunale)
Hacking e caffeina: 167.772 euro da spendere in caffè
Arriva LibreOffice 7.1 Community ma è importante non usarlo in azienda
Didattica a distanza, genio su Zoom
La Stampa, L’Espresso, il Corriere e il metodo redazionale: nessuno rilegge
Sgominato Emotet, la madre di tutti i malware
Gennaio 2021
iPhone 12 e pacemaker, meglio che stiano lontani
Minori su Tik Tok, accesso con Spid?
Il disastro tragicomico di Parler
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 2 marzo


web metrics