Non le piace la search e fa causa a Yahoo

Una donna si è sentita diffamata dai risultati del motore di ricerca. Ma l'accusa è stata respinta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-10-2010]

Beverly Stayart causa a Yahoo perde

Beverly Stayart, una donna del Wisconsin (USA), tiene molto alla propria reputazione: ci tiene al punto che, dopo aver fatto una ricerca su Yahoo usando il proprio nome come chiave, ha deciso di fare causa al motore di ricerca perché non le sono piaciuti i risultati.

La scoperta che il suo nome era associato a siti pornografici, servizi pseudofarmaceutici e siti di incontri ha spinto la donna a tentare le vie legali per ottenere un risarcimento: Yahoo avrebbe dovuto mostrare unicamente risultati tali da mostrare che Beverly Stayart è una persona "estremamente professionale e acuta" con "amici importanti e contatti professionali in tutto il mondo".

Ora una corte le ha dato torto: la signora Stayart si era appellata al Lanham Act, una legge che proibisce la pubblicità ingannevole. Il problema è che tale norma protegge esplicitamente chi ha un "interesse commerciale" (dunque un marchio, un'azienda) e Beverly Stayart, nonostante abbia provato a dimostrare il contrario, non ne ha.

La donna sosteneva di aver sviluppato tale interesse proprio tramite la presenza in Internet, fatta di "sforzi umanitari a favore dei cuccioli di foca e dei cavalli selvaggi, post eruditi in alcuni siti, due poesie pubblicate da un sito danese e ricerche genealogiche". La corte non ha trovato in ciò alcunché di paragonabile a un interesse commerciale.

Yahoo è salvo, dunque. Ora resta da vedere come andrà la causa contro Google, citato in tribunale qualche mese dopo il collega.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

ma i risultati parlavano proprio di Beverly Stayart ovvero proprio di lei? PerchŔ una azienda, un marchio ma anche un personaggio noto sono appunto univoci Invece un nome (in alcuni casi anche nome/cognome) possono dare adito a omonimie, restituire risultati che appunto nulla hanno a che fare con il termine ricercato
8-10-2010 14:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Un sito Internet richiede che la password sia pi¨ complicata. Cosa fai per ricordarla?
La scrivo su un foglio di carta
Faccio di tutto per memorizzarla
La salvo sul browser e utilizzo il Completamento automatico
La salvo sullo smartphone
La salvo come nota sul computer
Impiego una utility specifica per l'immagazzinamento password

Mostra i risultati (2957 voti)
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Windows 11, inizia la seconda fase degli update
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 novembre


web metrics