Music Love ha già messo la sordina

La RIAA imbavaglia Mulve, l'applicazione che ha permesso il download di oltre 10 milioni di brani. Sorgono i primi cloni.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-10-2010]

Mulve chiuso Major Riaa

Una specie di uovo di Colombo: nessun server FTP, nessuno scambio peer to peer, nessun camuffamento di IP e tuttavia una impressionante velocità di scaricamento; questa la carta d'identità di Mulve (Music Love), un semplicissimo software senza alcuna installazione o sottoscrizione che punta, come un qualsiasi motore di ricerca, a uno sterminato database di musica e canzoni.

Quel che colpisce di più è stata l'impressionante velocità di download, senza intoppi o rallentamenti nonostante gli oltre 30.000 collegamenti giornalieri, un successo così grande che già qualche giorno dopo il debutto la Recording Industry Association of America (RIAA) assestava il primo colpo, basandosi sul fatto che alcuni server del motore erano situati negli Stati Uniti.

Music Love ha superato la momentanee difficoltà ma è presto giunta la seconda fase dell'attacco, evidentemente coordinato, lanciato dalle istituzioni a difesa delle solite major.

È stato così arrestato in Inghilterra uno dei membri dell'équipe che cura lo sviluppo e la manutenzione del software.

Su Facebook si può leggere che il servizio chiude a causa "di seri problemi legali incontrati da uno degli operatori. Non che facessimo qualcosa di male -e le accuse cadranno davanti al giudice - ma il nostro era essenzialmente un hobby e non possediamo le risorse per combattere".

Infatti il software in sé non ha nulla di illegale, non essendo altro che un motore di ricerca: si limita a indicizzare, ma non scarica o conserva alcun file illegale sui propri server.

Tale affermazione è sostenuta da Torrent Freak, il quale sembra aver scoperto che la ricerca punta ai server su cui si appoggia Vkontakte, vale a dire il più importante social network russo.

D'altra parte Vkontakte Music è un'applicazione gratuita per iPhone, scaricabile da App Store, che permette di accedere agli stessi contenuti musicali altrettanto agevolmente e senza complicazioni legali.

La prudente resa dei creatori di Music Love contiene tuttavia un ultimo sberleffo, in quanto sono stati resi pubblici i sorgenti del programma: già iniziano a fiorire i software analoghi, come Pirate.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Complimenti ai capoccia delle major (che, per la loro intelligenza, potrebbero chiamarsi "minor")! In questo modo, molti di più sapranno dell'esistenza di questa applicazione e dei suoi cloni. Se volevano farsi "tafazzi" sugli zebedei, questo è un ottimo modo! :toilet:
15-10-2010 16:24

"La prudente resa dei creatori di Music Love contiene tuttavia un ultimo sberleffo, in quanto sono stati resi pubblici i sorgenti del programma: già iniziano a fiorire i software analoghi" :ok!: :complimenti: :mrgreen:
15-10-2010 09:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Fidanzati sospettosi o inguaribili diffidenti, qual è la vostra arma preferita tra quelle che Facebook mette a disposizione di voi gelosoni per controllare il vostro partner?
I cuoricini in bacheca: un segno per far sentire sempre e dovunque la propria presenza, nonché un espediente per marcare il territorio del partner.
L'applicazione "Chi ti segue di più?": bisogna convincere il partner a usare questa applicazione (apparentemente innocua) per scovare eventuali vittime da annotare sulla propria black list.
Facebook Places: permette di taggare compulsivamente il partner e rendere noto al mondo intero il fatto che lei e il suo lui si trovano sempre insieme.
L'auto tag nelle foto: indispensabile strumento per essere certi di ricevere notifiche qualora un'altra persona osasse commentare o piazzare "Mi piace" alle foto del/della partner.
I commenti minatori: il simpatico approccio ossessivo-compulsivo verso chi tagga il partner o ne invade la bacheca. Di solito consiste in un discreto: "Che bello il MIO amore!"
Il profilo Facebook in comune: un unico profilo scoraggia anche il più audace dei rivali dal tentare un approccio.
La password nota al partner: Della serie: "Amore, se non mi nascondi niente allora posso avere la tua password?". Nessun messaggio di posta, commento o notifica è al sicuro.
Il tasto "Rimuovi dagli amici": una volta in possesso della password del partner, qualsiasi rivale dalla foto profilo provocante o la cui identità è sconosciuta verrà subito rimosso dagli amici.
La trappola: spacciandosi per il partner (password nota), si inizia a contattare i presunti rivali e testare le loro intenzioni con domande e allusioni per far cadere in trappola anche i più astuti.
Il Mi piace minatorio: post, foto, tag, nuove amicizie sono regolarmente marchiati da un Mi piace del partner. Dietro una parvenza di apprezzamento, dimostrano quanto in realtà NON piaccia l'elemento.

Mostra i risultati (400 voti)
Gennaio 2022
Iliad e Vodafone, fusione in vista
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 gennaio


web metrics