Facebook aggredisce il mercato mobile dei telefonini

Nuove versioni per le applicazioni mobili permettono di scoprire le offerte speciali dei negozi vicini.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-11-2010]

Facebook applicazioni mobili deals login unico

Facebook si prepara a invadere la telefonia mobile: anche se non ci sarà mai un telefonino con il marchio del social network più famoso - possibilità smentita dal CEO Mark Zuckerberg - i cellulari stanno diventando una piattaforma sempre più importante.

Per questo motivo l'evento tenutosi ieri a Palo Alto, in California, è stato centrato completamente sul rinnovo della applicazioni mobili per Facebook, nelle versioni dedicate ai vari sistemi operativi: iOS, Android, BlackBerry e Windows Phone.

Il rinnovo delle app, oltre all'introduzione delle possibilità già presenti nella versione Web di Facebook - come la gestione dei gruppi - ha costituito l'occasione per il debutto di nuove funzioni.

La più importante si chiama Deals (Affari o Occasioni) e costituisce un'estensione di Places, il sistema che permette di condividere la propria posizione tramite la geolocalizzazione.

Con Deals e l'applicazione mobile diventa immediato sapere se i negozi nelle vicinanze offrono una promozione: entrando in questi esercizi e registrandosi è possibile ottenere un omaggio o uno sconto.

Si possono fare "affari" di quattro tipi: quelli personali funzionano come abbiamo spiegato qui sopra; poi ci sono quelli per gli amici (si segnala la presenza di amici all'interno del negozio, sempre al fine di ottenere premi), quelli che premiano la lealtà (basati su un certo numero di registrazioni in un dato periodo di tempo) e quelli di beneficenza (che permettono di "girare" la ricompensa a un ente benefico).

Oltre a Deals Facebook ha presentato anche il login unico, che permette di accedere ai servizi legati al social network con un singolo login, sullo stile di Facebook Connect, e l'apertura del database di Places alle applicazioni di terze parti, che potranno così creare applicazioni personalizzate.

Non ci sarà invece un'applicazione di Facebook per iPad: Zuckerberg ha liquidato la questione con un secco "Non è mobile" riferito al tablet di Apple, per poi spiegare: "L'iPad non è un dispositivo mobile: è un computer".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

la funzione Places è già abusata.. alcune persone, ivi compresi pure dei miei amici la usano per indicare dove sono, senza particolari commenti aggiuntivi o suggerimenti. e purtroppo è limitata solo a chi possiede un iPhone. non ho ancora capito la natura di questa limitazione. Mister Steve ha pagato un bell assegno a Zuckerberg per... Leggi tutto
4-11-2010 18:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come credi che sarà la vita per la maggior parte della gente nel 2100?
Un idillio ipertech.
Grossomodo come adesso, con qualche giocattolo in più e/o in meno.
Roba da candelabri, biciclette e abaco.
Terribile, da gente allo sbando, senza più civiltà.
Non ci sarà più. Ormai saremo estinti, o sull'orlo dell'estinzione.

Mostra i risultati (3434 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 giugno


web metrics