Kinect, PlayStation Move e Wii Motion Plus a confronto

Sony, Microsoft e Nintendo si sfidano sui controller. Uno sguardo alle soluzioni fallimentari del passato.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-11-2010]

kinect

Con l'arrivo di Kinect e PlayStation Move sul mercato, le tre console principali - Wii, PlayStation 3 e Xbox 360 - sono ora tutte dotate di controller che sfruttano il movimento dell'utente registrato da sensori.

Ciò non significa però che siano le soluzioni si equivalgano: ogni azienda ha realizzato la propria particolare versione di questa tecnologia, ciascuna con i propri punti di forza e debolezze.

La prima caratteristica che separa le tre proposte è rappresentata dai destinatari: certo, tutte le periferiche sono pensate per dei videogiocatori, ma ognuno sembra essere stata realizzata per un tipo particolare di giocatore.

Il sistema che abbraccia il maggior numero di persone (è anche quello immesso per primo sul mercato) sembra essere quello della Wii, recentemente migliorato con l'introduzione del Wii MotionPlus: giochi e controller sono realizzati per tutta la famiglia, ma sembra radicata l'idea che i veri destinatari siano i bambini e i giocatori "casuali", anche per via della mancanza del supporto all'alta definizione che invece i più esigenti ormai pretendono.

Kinect pare creato apposta per il fitness, per le famiglie e, in particolare, per chi ha a disposizione un ampio spazio: per sua natura non si può usare in stanze di dimensioni ridotte, dato che i giocatori devono potersi muovere con agio.

PlayStation Move potrebbe essere infine il controller per gli hard core gamers, ed è questa anche la presentazione che ne fa Sony; pur assomigliando al controller di Nintendo, è pensato più per giocatori abituali che occasionali o poco inclini al gioco "serio".

La questione dello spazio, cui abbiamo accennato parlando di Kinect, è un'altra caratteristica da prendere in considerazione, non è certo secondaria e va di pari passo con la configurazione delle periferiche, posizionamento dei sensori compreso: il sistema di Nintendo, forse anche per la familiarità derivante dalla relativa anzianità, risulta quello più semplice da posizionare e configurare, poiché non richiede operazioni particolari; anche la stanza di gioco può non essere enorme.

Per Kinect, Microsoft ha evidentemente in mente ambienti ampi spazi - come in effetti anche gli spot indicano - che devono inoltre rispondere a determinati requisiti di luminosità e silenziosità: se c'è troppo buio o troppo rumore i sensori non funzionano bene, come i primi acquirenti hanno testimoniato. Inoltre gli spettatori rischiano di disturbare involontariamente i giocatori, poiché sono i corpi di tutti i presenti a diventare un controller.

La soluzione di Sony richiede meno spazio rispetto a Kinect e, al pari del Wii MotionPlus, non è disturbata dalla presenza di altre persone poiché il rilevamento dei movimenti dipende da un controller fisico; l'installazione è forse un po' più complicata (occorre posizionare sia i sensori che la videocamera).

Chi vuole comprare - magari per Natale - una console con un controller di questo tipo deve poi tenere in conto un'ulteriore particolare: la longevità. In questo caso molto dipende dai gusti personali e dalla qualità e quantità dei giochi che usciranno, per evitare di spendere per qualcosa che, passato l'entusiasmo iniziale, finirà a prendere polvere in qualche angolo.

Se non ci saranno giochi che faranno un uso intensivo di questi sistemi ma si affideranno per lo più a controller tradizionali, i dispositivi rischieranno di finire troppo rapidamente nel dimenticatoio. Forse chi rischia meno in questo scenario è Kinect che, una volta installato e posizionato, non fornisce ragioni per essere rimosso; al contrario il PlayStation Move potrebbe finire in disparte lasciando spazio a sistemi collaudati.

La prossima stagione di acquisti potrà fare un po' di luce su quale di queste periferiche avrà maggiore successo, e quale si rivelerà un problema per l'azienda; Microsoft, per esempio, ha dichiarato di aspettarsi un allungamento della longevità della propria console paria a 5 anni, grazie a Kinect.

Nintendo risente un po' del lungo periodo in cui è stata l'unica innovatrice; Sony punta su PlayStation Move per risollevare le sorti di una console che certamente avrebbe potuto ottenere più successo se non fosse stata oscurata dai concorrenti.

D'altra parte sperare che i nuovi controller rappresentino la soluzione potrebbe anche rivelarsi ingenuo: non è la prima volta che qualcuno cerca di eliminare (o quanto meno ridurre) le periferiche fisiche, anche se la tecnologia è oggi molto più matura.

Qualcuno ricorda forse il PowerGlove di Nintendo che debuttò nel 1989, forse troppo in anticipo sui tempi; non ottenne certo un enorme successo, come nemmeno il Sega Activator, una ottagono da posizionare per terra entro il quale il giocatore doveva muoversi.

Più di recente sono apparsi i microfoni su Nintendo 64 e Dreamcast, accompagnati da un sistema di riconoscimento vocale non all'altezza, e già nel 2003 Sony lanciava EyeToy (poi PlayStation Eye), una webcam antenata di quanto ha fatto oggi Microsoft con Kinect.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Facebook è un gran bel social network, però...
... genera dipendenza e condiziona la mia vita reale.
... mi rende più ansioso o più depresso del solito.
... non c'è nessun "però".
... non lo uso.

Mostra i risultati (2494 voti)
Aprile 2021
Colpevoli di ransomware
Tutti gli home banking sono a rischio, se usi Facebook
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 17 aprile


web metrics