Il supercomputer raffreddato ad acqua calda

SuperMUC arriverà a 3 petaflops e utilizzerà un innovativo sistema per migliorare l'efficienza energetica.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-01-2011]

IBM SuperMUC raffreddato acqua calda

Il Leibniz Supercomputing Centre (LRZ) di Garching, Germania, ha firmato un contratto con IBM per sviluppare e costruire un supercomputer di tipo general purpose, dotato di oltre 14.000 processori Intel Xeon della prossima generazione, 320 Tbyte di memoria e 12 Pbyte di spazio di memorizzazione, per supportare la ricerca scientifica.

Denominato SuperMUC, il sistema fa parte dell'infrastruttura di HPC Partnership for Advanced Computing in Europe (PRACE) utilizzata da ricercatori e organizzazioni industriali di tutta Europa.

Una delle peculiarità del sistema è l'utilizzo di una tecnologia di raffreddamento ad acqua calda che permetterà di consumare il 40% di energia in meno rispetto a una macchina equiparabile raffreddata ad aria.

Ogni componente attivo, come i processori, è raffreddato direttamente da acqua che può arrivare fino a 45 gradi usando un sistema denominato High Temperature Liquid Cooling, e il calore generato dal supercomputer sarà utilizzato per riscaldare l'edificio del LZR che lo ospita.

SuperMUC, che sarà pronto nel 2012, raggiungerà un picco di prestazioni di 3 petaflops, equivalenti al lavoro di più di 110.000 PC e superiori alle prestaioni di Tianhe-1A.

Il raffreddamento ad acqua - che in genere elimina il calore con un'efficienza 4.000 volte superiore rispetto all'aria - è associato a processori efficienti dal punto di vista energetico e a una gestione dei sistemi dinamica, orientata alle applicazioni, per ridurre ulteriormente il consumo di energia.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il supercomputer nella chiesa sconsacrata

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

Ciao Leggi tutto
7-1-2011 01:43

Esistono algoritmi che per essere utilizzati correttamente richiedono un numero spropositato di ricicli (peta-volte) il contributo della periferica Ŕ irrilevante. GiÓ negli anni '70 (vabbe' denuncio la mia etÓ) c'era un Honeywell raffredato ad acqua e l'IBM 370 su cui lavoravo io richiedeva un condizionamento ad aria mica da ridere... Leggi tutto
6-1-2011 22:23

Torno alla questione del raffreddamento e della comoditÓ di raffreddare acqua calda. Provo a semplificare senza ricorrere a formule e evitando di sembrare barboso: Raffreddare significa favorire il passaggio di calore (energia) da un mezzo ad un altro. Normalmente l'ultimo "mezzo" e l'ultimo destino di dispersione del... Leggi tutto
6-1-2011 11:32

:D Viva il petaflop! Anche se poi non so bene quale potra' essere il suo impiego pratico dato che in un sistema di calcolo esistono anche le periferiche che continueranno a funzionare alle loro velocita' standard (formattare un floppy con un 486 richiede lo stesso tempo che richiederebbe con il super Pc). Ma che fine hanno fatto i... Leggi tutto
6-1-2011 09:34

Mah',... data la mia scarsa esperienza in fatto di Fisica, Ŕ ovvio che conviene raffreddare acqua calda che acqua fredda...la cosa mi pare lampante...PerchŔ se in tgeoria per raffreddare un litro d'acqua a -30G░ ci metti un'ora, con un litro a +30░C ci metti mezz'ora, non te lo so spiegare eppure Ŕ una legge della Fisica.
6-1-2011 01:50

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste minacce all'ambiente ritieni che sia quella da affrontare con maggiore urgenza?
La drastica riduzione della biodiversitÓ: alcune stime ritengono che oltre cento specie ogni giorno si estinguano, compromettendo l'ecosistema in maniera irreversibile.
L'assottigliamento della fascia dell'ozono che protegge dagli ultravioletti dannosi: l'utilizzo di certi materiali (come i CFC) assottiglia lo strato di ozono mettendo in pericolo l'intero pianeta.
I cambiamenti climatici: l'aumento della temperatura causato dai gas serra pu˛ portare all'innalzamento dei mari e ad altre catastrofi, come inondazioni, siccitÓ e tempeste.
I rifiuti tossici: dai pesticidi agli erbicidi fino alle scorie nucleari, tutti questi scarti hanno effetti dannosi sull'ambiente per molti anni dopo la loro produzione, contaminando acqua, aria e terra (e tutto quanto vi cresce).
L'impoverimento degli oceani: la pesca eccessiva ha decimato la fauna ittica, colpendo in particolare i grandi pesci predatori. A questa si aggiungono i rifiuti (specialmente in plastica) scaricati negli oceani e l'aumento dell'aciditÓ dei mari.

Mostra i risultati (1694 voti)
Febbraio 2020
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Windows 10, la patch causa più problemi di quelli che risolve
Gennaio 2020
Mummia di 3.000 anni torna a parlare
Microsoft per pietà aggiorna Windows 7
Agcom, due milioni di multa per Tim, Vodafone e Wind Tre
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Tutti gli Arretrati


web metrics