LibreOffice 3.3 sfida OpenOffice

The Document Foundation ha rilasciato la prima versione stabile della suite frutto del fork di OpenOffice.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-01-2011]

LibreOffice 3.3 OpenOffice Document Foundation

The Document Foundation ha rilasciato LibreOffice 3.3, la prima versione stabile della suite per ufficio sviluppata in maniera indipendente dalla fondazione nata a causa della politica poco chiara condotta da Oracle nei confronti di OpenOffice.

In meno di quattro mesi, il numero degli sviluppatori che lavorano a LibreOffice è passato da meno di venti (alla fine di settembre 2010) a oltre cento: ciò ha permesso di anticipare la data del rilascio rispetto alle previsioni.

Questa versione propone un codice sorgente ripulito e alleggerito, base più solida per i futuri sviluppi di LibreOffice.

Inoltre l'installer per Windows, sistema utilizzato dal maggior numero di utenti, è stato integrato all'interno di un unico file che contiene tutte le versioni linguistiche: ciò riduce sia le esigenze di spazio sui siti (si passa da 75 a 11 Gbyte) che i tempi necessari alla distribuzione delle nuove versioni.

Le funzionalità peculiari di LibreOffice sono: la capacità di importare e di modificare i file SVG; la finestra di dialogo per definire formato e numerazione delle pagine sommario in Writer; un nuovo Navigatore per Writer; una migliore gestione dei fogli e delle celle in Calc; e i filtri di importazione per MS Works.

Alcune estensioni sono poi già integrate, come quella per l'importazione dei PDF, la schermata di controllo delle presentazione e un migliore report builder.

In aggiunta a tutto ciò sono presenti anche le funzionalità aggiunge in OpenOffice 3.3 come la nuova gestione delle proprietà personalizzate, l'embedding dei font PDF standard nei documenti PDF, la nuova font Liberation Narrow, una protezione migliore dei documenti Writer and Calc, la gestione automatica dei decimali per il formato "generale" di Calc, 1 milione di righe in un foglio elettronico, le nuove opzioni per l'importazione dei CSV in Calc, l'inserimento degli oggetti in Chart, le etichette gerarchiche delle assi sempre in Chart, una migliore gestione del layout delle slide in Impress, un nuovo dialogo di stampa più facile da usare, più opzioni per la modifica maiuscolo/minuscolo, e le linguette colorate per i fogli di Calc.

Gli sviluppatori intanto già pensano al futuro e, per bocca Caolán McNamara (uno dei leader), spiegano come ora si tratti di raccogliere il feedback degli utenti al fine di approntare una nuova versione per febbraio.

Alla fine si potrà dare vita a "un programma di rilasci prevedibile e pubblicato in modo trasparente, basato sul calendario e non sulle funzionalità, come richiesto dagli utenti e dall'Engineering Steering Committee".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
LibreOffice 6.0 supporta anche OpenPGP: ecco tutte le novità

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

OOo tecnicamente è della Oracle in versione gratis e pagante (quest'ultima con aggiunte grafiche e utility) mentre LOo è veramente libera (salvo qualche inezia che stanno togliendo). Attualmente però LOo è la più aggiornata perchè è qui che è passata tutta la comunità e inoltre Oracle non la sponsorizza/vende quasi più. Ciao
17-12-2011 14:48

Dalla notizia in oggetto, è passato quasi un anno. Qualcuno mi sa dire com'è il confronto attuale tra OO e LO? Quali sono i pro ed i contro delle due suite?
17-12-2011 13:09

Non è che intende con "adattatori" come NdisWrapper o (pagante) DriverLoader? :roll: Ciao Leggi tutto
7-2-2011 01:09

apposto :P Leggi tutto
6-2-2011 21:35

Capisco è proprio una particolarità di Ubunto.... Grazie! Ciao Leggi tutto
31-1-2011 20:08

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali tra questi tuoi dati personali sono pubblici sui social network (chiunque può vederli e non solo i tuoi amici)?
Solo il mio nome per intero e la foto del profilo
In teoria tutto, non mi preoccupo delle impostazioni per la privacy
Nome completo, foto e post
Nome completo, foto, status, geolocalizzazioni e check-in
Non ci ho mai pensato

Mostra i risultati (895 voti)
Gennaio 2020
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Tutti gli Arretrati


web metrics