Xperia Neo e Xperia Pro di Sony Ericsson

Due smartphone con Android 2.3 Gingerbread, l'uno dedicato all'utenza professionale, l'altro a quella consumer.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-02-2011]

Xperia Neo Xperia Pro Android Sony Ericsson

Al Mobile World Congress Sony Ericsson non ha presentato soltanto lo smartphone Xperia Play ma anche altri due modelli: Xperia Neo e Xperia Pro.

Si tratta di due smartphone simili sotto molti aspetti (anche le dimensioni sono pressoché le stesse) ma che si differenziano per una caratteristica: il Neo dispone soltanto di una tastiera virtuale; il Pro offre invece anche una tastiera fisica a scomparsa.

Xperia Play

Entrambi hanno un processore Snapdragon a 1 GHz, motore grafico Sony Bravia, 320 Mbyte di memoria interna, fotocamera frontale da 2 megapixel, GPS, fotocamera posteriore da 8 megapixel con flash a LED, schermo touch da 3,7 pollici con risoluzione di 854x480 pixel e Android 2.3 Gingrebread.

Il Neo e il Pro supportano la connettività Bluetooth, 3G e Wi-Fi, hanno tre pulsanti fisici (Home, Indietro e Menu), jack da 3,5 millimetri, slot microSD e porta microUSB.


Xperia Pro

Xperia Pro ha in più il software Office Suite Pro, che permette di visualizzare e realizzare documenti compatibili con Microsoft Office, oltre a funzionalità di sincronizzazione del calendario, dei contatti e di gestione della posta elettronica.

Xperia Neo sarà disponibile a partire dalla fine di marzo nelle colorazioni blu, rosso e argento mentre Xperia Neo - in arrivo per l'estate - adotterà i colori nero, argento e rosso.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Il Neo è in sostanza l'evoluzione del Vivaz...dimensioni buone ma non enormi, sistema Android aggiornato e estetica sostanzialmente identica... se il prezzo sarà "adeguato" credo possa essere un buon successo, forte di Android..cosa che al vecchio Vivaz con Symbian non è riuscito (pur se bisogna dare atto che quando è uscito... Leggi tutto
18-2-2011 13:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2260 voti)
Dicembre 2020
La storia segreta di un gioiello scientifico
Microsoft brevetta la tecnologia per eliminare le riunioni inutili
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Tutti gli Arretrati


web metrics