Forum Nucleare, lo spot è ingannevole e va ritirato

Il Giurì ha bocciato lo spot della partita a scacchi, che sparirà dalle reti televisive.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-02-2011]

Spot Forum Nucleare Italiano ingannevole Giurì

"Non conforme all'articolo 2 del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale": così l'Istituto dell'Autodisciplina Pubblicitaria ha giudicato lo spot del Forum Nucleare Italiano, in sostanza ritenendolo ingannevole.

La pubblicità in questione è trasmessa da qualche tempo dalle varie reti nazionali, digitali e satellitari: mostra due contendenti che affrontano una partita a scacchi in cui a ogni mossa corrisponde un'opinione - a favore o contro - l'energia nucleare.

Secondo il Forum Nucleare Italiano lo scopo di quei trenta secondi è spingere a riaprire il dibattito. Secondo lo IAP forse sarà anche così, ma il metodo scelto è parziale poiché il messaggio "E tu sei a favore o contro l'energia nucleare o non hai ancora una posizione?" "non comunica al telespettatore gli obiettivi sociali che l'associazione inserzionista intende raggiungere".

Nascosta sotto l'apparenza di una campagna informativa, insomma, ci sarebbe un tentativo di far pendere l'opinione degli spettatori verso un giudizio favorevole sull'energia nucleare: non la proposizione di un dibattito - come dovrebbe lasciare intendere l'immagine finale, in cui il giocatore scopre di giocare una partita contro sé stesso e i propri dubbi - ma un'attività ingannevole.

Il Forum Nucleare afferma di rispettare l'opinione del Giurì dell'Autodisciplina Pubblicitaria ma fa notare che uno spot definito "esattamente analogo a quello trasmesso in Italia, con la stessa struttura anche se attraverso un'idea creativa diversa" promosso dal Forum Nucleare Belga è invece stato ammesso dal Jury d'Ethique Publicitaire di Bruxelles.

Qualunque sia l'opinione di Bruxelles, lo IAP ha decretato la cessazione della messa in onda dello spot, che d'ora in avanti vivrà solo tramite YouTube, dove già da tempo pullulano le parodie che ne criticavano la faziosità già prima dell'intervento ufficiale.

Ecco quindi lo spot nella sua forma originale.

Di seguito, alcune delle parodie più riuscite.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 46)

LUCIDISSIMA E CONDIVISIBILE! :twisted: Leggi tutto
3-3-2011 14:51

Condivisibile quello che hai scritto Paolo, ma mi sfugge il collegamento con Montanari. Leggi tutto
2-3-2011 01:00

{paolo del bene}
bugie sulle scorie Leggi tutto
28-2-2011 21:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1910 voti)
Agosto 2019
Windows 10, errori nel patch Tuesday di agosto
Il cavo USB che permette di violare qualsiasi iPhone
Matteo Salvini condannato per violazione del diritto d'autore
Falla nelle fotocamere digitali, si rischia un'epidemia di malware
iPhone, cambiare la batteria diventa ancora più difficile
Datadrifter: motore di ricerca per bucket di Google Cloud trova dati privati a palate
Lo smartphone senza Android di Huawei arriverà entro la fine dell'anno
Facebook cambia nome a Instagram e WhatsApp
L'85% di tutti i Bitcoin è già stato generato
La carta di credito di Apple debutta in agosto
Luglio 2019
Windows 10, arriva il ripristino via Internet
Il condizionatore portatile di Sony da indossare sotto i vestiti
5G, miti da smontare e paure pilotate
VLC, panico nel Web per una falla estremamente grave
La criptovaluta di Facebook è una manna per gli scammer
Tutti gli Arretrati


web metrics