Yahoo! ricorre in appello per i link pirata

Il motore protesta contro la decisione del Tribunale di Roma: "Senza URL l'accusa è infondata".



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-03-2011]

Yahoo appello PFA Tribunale Roma link pirata Elly

Yahoo! non ha alcuna intenzione di accettare l'ordinanza con la quale il Tribunale di Roma riconosciuto la società colpevole di violazione del diritto d'autore.

"Questa decisione," - spiega il comunicato stampa emesso da Yahoo! Italia - "che vuol far monitorare alle aziende di motori di ricerca il contenuto di terze parti sul web, non solo è in contrasto con la legge esistente e i principi riportati nella direttiva sull'e-commerce, ma può addirittura portare a gravi conseguenze restrittive sulla libera espressione in Internet".

Il giudice aveva avallato l'accusa di PFA, società distributrice del film About Elly, secondo la quale il motore di ricerca sarebbe responsabile per la presenza, tra i risultati da esso forniti, di link a siti contenenti illegalmente il film. Per questo motivo PFA ha intenzione di richiedere un milione di euro di danni.

Yahoo! ribadisce ora i rischi connessi all'apparente decisione di rendere i motori responsabili dei contenuti che indicizzano, spalancando la porta alle rimostranze legali di chiunque si senta danneggiato da risultati a lui sgraditi.

Inoltre, l'azienda lamenta il fatto che "il pretendente non ha fornito indicazione del nome o dell'URL dei siti illegali, nonostante un'ingiunzione in merito": in pratica PFA ha genericamente richiesto di eliminare dai risultati del materiale pirata, senza specificare quali siano i siti, apparsi tra i risultati, da oscurare.

È poi senz'altro curioso come tutta l'attenzione del distributore si sia concentrata soltanto sui motori di ricerca e non, come sarebbe più logico, sui siti materialmente responsabili di diffondere illegalmente i contenuti protetti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

E spero proprio che, se quanto riportato nell'articolo viene adeguatamente provato, in appello diano ragione a Yahoo!
2-4-2011 17:57

{Lode}
Di cosa ci sorprendiamo? Leggi tutto
28-3-2011 13:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Hai sostituito il tuo notebook (o netbook) con un tablet?
S, e riesco a lavorarci perfettamente.
Non l'ho ancora fatto, ma ci sto pensando.
Niente affatto, mi serve un vero notebook.
Li ho entrambi.
Non ne ho nessuno dei due.

Mostra i risultati (4068 voti)
Dicembre 2019
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Tutti gli Arretrati


web metrics