Banche e finanziarie potranno aggirare le norme sulla privacy

Dichiarazioni dei redditi e posizioni previdenziali e assistenziali dei cittadini saranno conservate in un archivio centrale, interrogabile a piacere dalle società che erogano prestiti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-03-2011]

Foto via <A HREF=http://it.fotolia.com/partner/20

Che cos'è il furto di identità. Io, come giurista, non amo questa locuzione (l'identità altrui si usa, non si ruba), ma penso che tutti siamo in grado di dare una risposta perché l'argomento è sotto i riflettori da tempo, specie associato a fatti di phishing.

Comunque, ad esempio, si può fare una ricerca in Rete oppure andare direttamente su Wikipedia: "Il furto d'identità è una condotta criminale volta a ottenere indebitamente denaro o vantaggi, fingendosi un'altra persona".

A breve, però, potremmo avere una definizione giuridica. Infatti, nei giorni scorsi il Consiglio dei Ministri ha approvato un nuovo decreto legislativo (non ancora in vigore) che, intervenendo nel corpus del Codice del Credito al Consumo (decreto legislativo 141/2010), dà una definizione di "furto d'identità" imperniata su due distinte ipotesi.

La prima è l'impersonificazione totale: tale condotta consiste nell'occultamento totale della propria identità mediante l'utilizzo indebito di dati relativi all'identità e al reddito di un altro soggetto. Tale condotta può riguardare l'utilizzo indebito di dati, riferibili sia a un soggetto in vita, sia a un soggetto deceduto.

La seconda è l'impersonificazione parziale: tale condotta consiste nell'occultamento parziale della propria identità attraverso l'impiego, in forma combinata, di dati relativi alla propria persona e l'utilizzo indebito di dati relativi a un altro soggetto.

Si badi bene, però, che con ciò non nasce un nuovo reato. Condotte del genere rientrano, infatti, in fattispecie già note e vigenti come il reato di sostituzione di persona (articolo 494 codice penale), quello di trattamento illecito di dati personali (articolo 167 decreto legislativo 196/2003) o quelli di frode (articoli 640 e 640-ter codice penale).

Quale necessità, allora, per questa modifica? Molto semplice, con le parole usate sul sito del Governo: "Consentire alle società che erogano prestiti di poter verificare i dati sensibili [sic!] dei propri clienti per combattere e prevenire le frodi nel settore creditizio e in particolare i furti d'identità nel credito".

A parte il fatto che, fortunatamente, nessun dato sensibile dovrebbe essere trattato (l'estensore della presentazione ignora la definizione di "dati sensibili" di cui all'articolo 4, comma 1, lettera d) del decreto legislativo 196/2003), non si può negare come la creazione di questo enorme archivio dati rappresenterà una pesante invasione della privacy.

Se poi si considera che non sono approntate specifiche tutele per il singolo diverse da quelle generali (cioè del codice della privacy, peraltro soltanto timidamente menzionato) si comprende quanto la riservatezza debba cedere alle ragioni del credito.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

E sì, più vado avanti a leggere queste cose, più sono convinto che tra limitazioni di banda, la privacy che fra un pò non sarà più tale, se già non esiste più, tutte queste manovre non siano una specie di "preludio" a qualcosa. E più vado avanti, più mi viene da pensare al " Nuovo Ordine Mondiale"...
3-8-2011 13:24

{un bancario}
E per di più le BANCHE scaricano la RESPONSABILITA' sull'impiegato.
9-6-2011 16:40

E ricordiamoci che questa crisi è stata scatenata proprio dai debiti dei cittadini - che sarebbero stati palesemente insolventi - rivenduti come prodotti finanziari sicuri. Poi che è successo??? Che tutti i governi sono dovuti intervenire con i soldi dei cittadini per salvare gli istituti finanziari più a rischio per queste politiche... Leggi tutto
3-4-2011 20:09

Purtroppo è vero.. aggiungo che in tempo di crisi dove molte famiglie (ma anche aziende) hanno problemi, chi non ci rimette mai sono proprio le banche (vendentoti il credito che ti indebita per anni) e lo stato che per quello che vuole i fondi li trova sempre.. :( Leggi tutto
31-3-2011 01:32

Beh, Teo, che dire?, che quanto meno ti ha sfiorato il dubbio! In effetti a me appare come l'ennesimo (con N mooooolto grande) tentativo del Potere di frugarci in tasca. Questa storia poi della privacy che fa bene a chi ha qualcosa da nascondere prima o poi bisognerà sfatarla. La privacy fa bene a tutti quelli che non vogliono essere... Leggi tutto
30-3-2011 23:38

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale di queste previsioni si realizzerà per prima?
La maggior parte degli acquisti avverrà attraverso il web.
Ci sarà in media uno smartphone per ogni abitante del pianeta.
Le aziende utilizzeranno Facebook e Twitter come mezzo principale di assistenza ai clienti.
La maggior parte dei nostri dati saranno sul cloud, non sui nostri Pc.
La maggior parte degli utenti accederanno al web tramite rete mobile.

Mostra i risultati (2091 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics