L'economia italiana della condivisione

La nuova dimensione della condivisione nell'economia italiana.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-04-2011]

Roberta Carlini, giornalista freelance

L'Economia del noi, l'Italia che condivide è un saggio di Roberta Carlini, già vicedirettore del quotidiano Il Manifesto (dal 1998 al 2003) e collaboratrice de L'Espresso, che esce in questi giorni per Laterza Editore nei suoi Saggi tascabili.

Il tema è quello di un'Italia diversa da quella un po' pigra, statica, vecchia, ripiegata sul suo oggettivo impoverimento e sui suoi scandali di ogni tipo, spesso specchio di un'avidità smodata e di un povero egoismo.

E' l'Italia dei gruppi di acquisto, del prestito in Rete per usi sociali fatto da tanti piccoli e piccolissimi risparmiatori; è l'Italia del riciclo dei Pc per i Paesi più poveri e dell'open source, condiviso e gratuito.

Si racconta l'esperienza ormai molto nota e consolidata della Banca Etica ma anche quella meno nota di Prestiamoci, una piattaforma on line di social lending fondata dal giovane volontario cattolico Mariano Carozzi di Ivrea insieme a 6 amici, partendo da un capitale iniziale di 1 milione di euro.

A chi viene prestato il denaro non si chiedono solo i requisiti di affidabilità, ma si viene valutati favorevolmente anche se si è giovani e mai entrati nel circuito del credito. Il primo finanziamento è andato ad un ragazzo appena laureato, aspirante regista per girare un documentario a Sarajevo.

Sempre in Rete è nato il progetto Nuove comunità economiche, con più di 4.500 iscritti e una cinquantina di progetti come documentari, progetti artistici, inchieste, libri. Non siamo nel campo del credito ma delle micro donazioni: con 500 quote da 6 euro l'una, per esempio, si è finanziato L'ora d'amore, film documentario su vita e sessualità in carcere.

Bellissima è l'esperienza riportata di Binario Etico, cooperativa fondata da Ruggero Russo, ingegnere elettronico di 36 anni, che lavora e dà reddito ai suoi soci, senza tradire l'adesione al credo del free software e del no copyright. Nei laboratori pieni di vecchi Pc di Binario Etico si riciclano i computer, installandovi il software libero e aiutando gli utenti a capire come funziona.

C'è la testimonianza di Mauro Fava, di mestiere programmatore web e attivista del Linux Group di Roma, e di Massimo Banzi, ingegnere e insegnante nella scuola, con la scheda Arduino, di cui sono state vendute 50.000 copie a 26 euro l'una, per diffondere nelle scuole il free software; ma sul loro sito c'è anche tutto il necessario per farla: schemi, progetti, software.

Il libro si conclude con una riflessione su come proprio la Rete - con l'esperienza di Wikipedia, dei siti di citizen journalism, con il free software - stia introducendo nel sistema capitalistico e nell'economia di mercato il virus benigno dell'economia del dono e della condivisione.

Scheda
Titolo: L'economia del noi
Sottotitolo: L'Italia che condivide
Autore: Roberta Carlini
Editore: Laterza
Prezzo: 12 euro

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Commenti all'articolo (2)

{Osvaldo}
"per Laterza Editore nei suoi Saggi tascabili", euro 12Vorrei acquistare l'edizione e-book a 0,99 euro, dove la trovo?.... ;-)Il "virus benigno dell'economia del dono e della condivisione" è poco infettante... non prende nemmeno a chi gli frulla intorno e ci scrive su...
4-4-2011 09:16

Vabbe' vabbe', abbiamo capito. Un'altra amica del berlusca s.e.o.
3-4-2011 16:56

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale motivo NON sei (pi) sul social network pi famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di pi la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) d fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di pi i fatti degli altri.
Facebook morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (3937 voti)
Gennaio 2020
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Tutti gli Arretrati


web metrics