Il libro digitale minaccia il pluralismo culturale?

C'è chi sostiene questo. Ma a rischio è soprattutto il portafoglio degli editori.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-04-2011]

eb

Reduce da un recente viaggio negli Stati Uniti dove ha preso conoscenza delle difficoltà economiche incontrate dalle case editrici di riviste e libri cartacei, il ministro della cultura d'oltralpe sta cercando di sdoganare a livello europeo il concetto che "il libro digitale è un prodotto commerciale atipico" e perciò autori, editori e distributori debbono godere di una particolare garanzia almeno a livello comunitario.

Indubbiamente la distribuzione di giornali e libri da leggere e conservare sul proprio computer o, più modernamente, su uno dei vari tablet o e-reader, sta rivoluzionando l'approccio alla notizia e anche alla cultura come lo conoscevamo sino ad appena qualche anno addietro.

E' anche vero che sin qui la cultura è stata vista (e continua a essere ritenuta) un prodotto da sfruttare commercialmente anziché un'occasione di accrescimento delle doti personali e di arricchimento sociale.

La consistenza delle entrate di autori, letterati e di tutti quelli che sin qui hanno avuto buon gioco nello sfruttare il desiderio di conoscenza, è ora messa a rischio da giganti della distribuzione digitale, sempre più spesso e massivamente operati online. Aziende del calibro di Amazon, Google, Apple ed altre hanno iniziato un'offerta concorrenziale che sta letteralmente tagliando l'erba sotto i piedi degli editori tradizionali.

D'altra parte, in Francia e non solo sono gli editori che fissano il prezzo di vendita dei prodotti cartacei con riduzione dell'imposta sul valore aggiunto, mentre i distributori di opere prodotte all'estero assumono la figura giuridica del mandatario.

Al contrario, la pubblicazione in digitale ha sinora goduto di una certa autonomia in ambito europeo, anche a causa della disattenzione dei vari legislatori nazionali.

Frédéric Mitterrand, facendosi ancora una volta interprete delle esigenze dei venditori di cultura, ritiene perciò che la soluzione consista nel prezzo obbligatoriamente eguale per tutti: una sorta di cartello internazionale che serva soprattutto a bloccare alla radice la vendita digitale di opere provenienti da paesi extracomunitari, eliminandone la concorrenza anche solo potenziale.

Da parte sua, la Fédération Nationale d'Achat des Cadres (Fnac), multinazionale di gruppi di acquisto nel campo dell'editoria e dell'immagine in senso lato, per bocca del suo patron Alexandre Bompard giustificherebbe il prezzo unico dopo aver constatato quanto sta succedendo in Gran Bretagna e Stati Uniti, dove tale soluzione non è stata adottata.

Pure il sindacato dei distributori di "passatempi culturali" - e ovviamente gli editori - si dichiarerebbero soddisfatti dal cartello all'interno della Comunità e dall'adozione di misure protezionistiche per le opere provenienti da paesi extracomunitari. Resta da vedere come farà il ministro francese a gabellare le misure richieste come necessarie a garantire la libera concorrenza e il pluralismo culturale in ambito europeo.

Intanto, infischiandosene dei trattati, Mitterrand ha presentato il provvedimento in Senato e ora andrà in dicussione alla Camera dei Deputati; ma viene da chiedersi se e quanto i traumi subiti nell'infanzia e oggetto di un famoso outing influiscano ancor oggi nelle sue scelte fortissimamente condizionate e sostenute dal presidente Sarcozy. Quest'ultimo, a suo tempo gli rinnovò incondizionatamente la fiducia, nonostante la pubblica affermazione del ministro che "pedofilia e omossesualità sono forse relazioni sbagliate ma non crimini".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

anche per il fatto che cose come questa link sta diventando un boomerang per gli editori stessi per il fatto che solo attraverso loro (ieri) si poteva creare IL PRODOTTO, L'ESPERIENZA, LA SODDISFAZIONE DI NECESSITA' INCONSCE, perché solo da loro veniva. Evidentemente non è più così. Il loro "marketing" si deve rinnovare. O... Leggi tutto
7-9-2011 16:19

Soprattutto mi pare francamente imbarazzante che la Lega pretenda qualcosa dall'Europa, visti gli indecorosi spettacoli di cui si sono resi protagonisti molti suoi militanti, in particolare l'educatissimo ed equilibratissimo Sig. Borghezio... Spero che la riconoscenza del tappetto francese per lo squallido sostegno del governo italiano... Leggi tutto
12-4-2011 15:53

ma veramente ... la dichiarazione di Calderoli non è così chiara. Lui parla di far rientrare la missione militare in Libano per "difendere i confini prima che sia troppo tardi". Che avrà voluto dire? :old: Leggi tutto
12-4-2011 15:14

Intanto Sarko se ne frega e ha già fatto varare il provvedimento. Perciò gli editori/rivenditori all'estero di opere di autori francesi assumeranno la veste di mandatari e perciò saranno tenuti ad osservare le condizioni di vendita imposte dalla Francia. Alla faccia della libera concorrenza e di tutte le minchiate a proposito dell'EU. ... Leggi tutto
12-4-2011 14:13

Situazione quasi kafkiana, direi, soprattutto se si considera che le case editrici tradizionali sono rimaste piuttosto passive davanti ad uno scenario tutto sommato semplice da immaginare: a volte mi chiedo come sia possibile compiere ogni volta gli stessi errori, nonostante la storia sia lì a dimostrare che tutto prima o poi ritorna...... Leggi tutto
11-4-2011 15:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te Internet...
E' stata la più importante innovazione tecnologica degli ultimi anni.
Ha reso le relazioni umane troppo impersonali.
Ha reso più facile la vita di tutti i giorni.
E' stata un toccasana per l'economia mondiale.
E' riuscita a facilitare le relazioni umane.
Ha contribuito a confondere le identità dei popoli.

Mostra i risultati (2745 voti)
Novembre 2020
Seria falla in Windows 7, la patch c'è ma non è ufficiale
Clienti Amazon: i corrieri rubano le nostre PlayStation
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Tutti gli Arretrati


web metrics