Ubuntu 11.04 ci svela il desktop del futuro

Il narvalo elegante ha preso il largo: si chiude un'era durata oltre otto anni e si apre a una nuova concezione del desktop.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-04-2011]

Ubuntu 11.04 Natty Narwhal Unity desktop

L'ultima release di Ubuntu (la 11.04 Natty Narwhal) è destinata più di ogni altra sinora a segnare la storia. Per capire il perché è necessario dare un rapido sguardo alla storia recente delle interfacce adottate dai vari sistemi operativi.

Da una decina di anni né Apple né Microsoft né Sun né altri sono riusciti con successo a rimodernare il concetto di desktop: la struttura di dock, menù, icone e via di seguito, ossia la "carrozzeria" dei desktop, è stata limata e abbellita, ma tutto sommato è anche rimasta invariata.

La Sun provò con Looking Glass a rivoluzionare il desktop ma - vuoi la scelta del linguaggio di programmazione (Java), vuoi la dipendenza da schede video di una certa fascia, vuoi il fatto di proporre una novità che in realtà non cambia il concetto di desktop ma lo estende soltanto e in maniera neanche troppo comoda - il progetto fece un po' di rumore e finì nel dimenticatoio.

Non andò meglio a Microsoft che col lungo e sofferto passaggio da Windows XP ai suoi successori rivoluzionò il proprio desktop senza sostanzialmente cambiare i concetti alla base né risolvere i problemi sentiti dagli utenti.

Non è andata meglio nemmeno alla Apple, che sinora non ha neppure tentato di cambiare il proprio desktop. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Che cosa ti trattiene dall'installare Linux?
Tutti quelli che conosco hanno Windows: con chi potrei scambiare dati e software?
Non ho voglia di imparare un nuovo sistema operativo e dei nuovi programmi.
Alcuni miei componenti hardware non vengono riconosciuti.
Ci sono alcuni software che utilizzo sotto Windows che mi sono indispensabili.
Semplicemente non sento l'esigenza di passare a Linux.
Ho intenzione di farlo nel prossimo futuro.
Nessun motivo mi impedisce di passare a Linux, infatti già lo utilizzo con soddisfazione.

Mostra i risultati (11538 voti)
Leggi i commenti (123)
Oggi sono due i motivi principali che spingono a ripensare l'interfaccia tradizionale.

Prima di tutto, la constatazione del fatto che negli ultimi anni gli schermi si stanno sempre più allargando in orizzontale e assottigliando in verticale, passando dai 4:3 ai 16:10 fino ai 16:9 attuali e che nel contempo le pagine web si sono sempre più arricchite di contenuti diventando sempre più "lunghe" in senso verticale.

Ciò ha portato a sentire il bisogno di guadagnare spazio verticale sul monitor, mentre si nota molto di meno l'uso dello spazio orizzontale.

La struttura pre-Unity (Unity è il nuovo desktop di Ubuntu) tra barre, bordi finestra e menù consuma molto spazio verticale oggi diventato prezioso; Unity, invece, portando la "barra" (launcher) sul fianco e permettendo alla parte alta delle finestre a tutto schermo di coprire la sottile barra superiore guadagna molto spazio in verticale.

Il launcher si trova sul lato sinistro perché la maggior parte degli utenti di computer è abituata a leggere da sinistra a destra e dall'alto in basso, perciò l'occhio è abituato a iniziare (per esempio per aprire un'applicazione) da sinistra e scorrere poi nel centro/destra.

Per lo stesso motivo i controlli della finestra si trovano a sinistra, come su Mac OS X.

Esaurito questo primo motivo ecco il secondo. Si stanno diffondendo sempre più i monitor touch (dagli smartphone ai tablet sino ai desktop) e c'è quindi bisogno di un'interfaccia che sia comoda da usare col tocco ma che possa anche essere usata con mouse e tastiera tradizionali.

I menu sono molto poco usabili sui dispositivi touch: perciò Unity cerca di rimuovere il più possibile i menù non solo dalla propria struttura ma anche all'interno delle applicazione, relegandoli nella sottile barra superiore.

Ciò non comporta grandi fastidi, dato che statisticamente i menu sono poco adoperati durante l'uso quotidiano (tant'è vero che Chrome e Firefox hanno ridotto i menu a una mini-iconcina) mentre lascia un po' di visuale verticale e invita i programmatori a scordarsi dei menù.

Nel tempo si è poi passati dai laptop ai netbook sino ai tablet, e il trend è ormai chiaro: la mobilità piace.

I portatili sono comodi ma troppo grossi per poterli portare in giro, i netbook hanno una tastiera troppo piccola e i desktop tradizionali sono poco adatti agli schermi così piccoli.

I tablet d'altra parte attirano ma per ora sono limitati dall'assenza di un sistema operativo "vero" da computer; Android, iOS, WebOS sono ottimi sistemi per cellulari ma troppo limitati per un uso "informatico" vero.

Ecco quindi Unity: l'interfaccia che rappresenta l'unione tra il mondo mobile degli smartphone (quello di Android e iOS), il mondo ibrido che ancora non riesce a sfondare sopratutto per l'assenza di un prodotto come Unity (quello di netbook e tablet), e il mondo dei computer portatili e dei computer desktop tradizionali.

Unity adotta molti concetti di Android: la dashboard, che richiama il il menu delle app di Android; gli indicatori che ricordano la barra di notifica; il launcher laterale analogo all'equivalente studiato da Google per gli smartphone.

Tutto è però adattato, limato, migliorato per un uso desktop, senza per questo ostacolare (nei limiti del possibile) l'uso tradizionale.

Con Unity, Ubuntu si prepara dunque al futuro; gli altri al momento languono.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Ubuntu abbandona Unity

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 20)

non sono d'accordo: visto che se ne parla la storia la fa anche ubuntu. Solo che i "ganzi" utilizzano altro... personalmente sono un utonto anche io. con ubuntu mi trovo benissimo, aparte qualche problemetto. no ho provato gli altri è vero (tranne opensuse, che però era da smanettoni). vorrei che gli utilizzatori di... Leggi tutto
3-5-2011 10:46

Raga, teniamo i toni bassi per favore. @amldc: tutto dipende da come uno imposta il server. Io posso decidere di non loggare nulla o di loggare tutto. Su questo è chiaro che uno dovrà fidarsi di chi offre il servizio: se dice non loggo nulla tu o ti fidi o vai da un altro.
30-4-2011 11:46

Pensavo che i DNS si limitassero a risolvere i nomi a dominio, senza entrare nel merito degli URL specifici. Senza contare che non è detto che tutti utilizzino i DNS del proprio provider. :? Leggi tutto
30-4-2011 10:30

Io ho avuto modo di provare un pchino Unity (poi ho piallato tutto causa wifi assente), però non sono entusiasta... non l'ho trovato reattivo con gli spostamenti del mouse tra le finestre e la barra verticale, oltre allo sconcerto di non trovare i menu di firefox al solito posto, ma più in alto :rolling:
29-4-2011 20:45

@ linguist: prima di tutto il mio commento era ironico su tutta la linea. mi spiace che tu non ne abbia colto il senso. secondo ho scritto che ubuntu non è "perfetto" perchè qualche ritocchino da fare qua e la si incontra sempre e non è detto che siano cose alla portata dell'utente medio. ma anche con 7 non si scherza (anche... Leggi tutto
29-4-2011 20:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3465 voti)
Settembre 2020
Attacco ransomware mette in ginocchio Luxottica
Ransomware blocca ospedale, muore una paziente
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tutti gli Arretrati


web metrics