Facebook si scusa per il riconoscimento facciale

Il social network fa ammenda ma sostiene di rispettare sempre la privacy degli utenti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 08-06-2011]

Facebook scuse Tag Suggestions riconoscimento

«Saremmo dovuti essere più chiari»: è con queste parole che Facebook si scusa per non aver avvisato dell'estensione del riconoscimento facciale al di fuori degli Stati Uniti.

Una portavoce del social network ha spiegato che, quando lo scorso dicembre iniziarono i test negli USA, Facebook dichiarò che successivamente la funzione sarebbe stata estesa al resto del mondo; si pensava quindi che non fosse necessario ripetere l'avviso.

«Saremmo dovuti essere più chiari con gli utenti circa il momento in cui la funzione è diventata disponibile. Tag Suggestions ora funziona nella maggior parte degli Stati e a mano a mano aggiorneremo il blog» ha dichiarato ancora la portavoce.

Facebook ora ha infatti aggiornato il post originale, che conterrà anche i successivi update sulla situazione.

La portavoce ha inoltre sostenuto che la decisione di rilasciare la nuova funzione come opt-out - è attiva di default, chi non la vuole deve disattivarla personalmente - non crea problemi alla privacy, poiché «le impostazioni precedenti» sono sempre state rispettate.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

Ma lascia stare che mia madre non è su facebook e nn sa nemmeno cosa sia... Piuttosto ma non siamo stufi di scuse da parte loro... Facebook, A CASA !
9-6-2011 18:06

mah Leggi tutto
9-6-2011 12:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale tra queste tecniche diffusamente utilizzate dagli hacker ti sembra la più pericolosa?
1. Violazione di password deboli: l'80% dei cyberattacchi si basa sulla scelta, da parte dei bersagli, di password deboli, non conformi alle indicazioni per scegliere una password robusta.
2. Attacchi di malware: un link accattivante, una chiave USB infetta, un'applicazione (anche per smartphone) che non è ciò che sembra: sono tutti sistemi che possono installare malware nei PC.
3. Email di phishing: sembrano messaggi provenienti da fonti ufficiali o personali ma i link contenuti portano a siti infetti.
4. Il social engineering è causa del 29% delle violazioni di sicurezza, con perdite per ogni attacco che vanno dai 25.000 ai 100.000 dollari e la sottrazione di dati.
5. Ransomware: quei programmi che "tengono in ostaggio" i dati dell'utente o un sito web finché questi non paga una somma per sbloccarli.

Mostra i risultati (2247 voti)
Ottobre 2020
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
YouTube pronta a far guerra ad Amazon
Le cipolle troppo sexy per Facebook
Smishing, i consigli per non cadere nel tranello
Arrestato per recensioni online negative di un albergo
Windows 10, arriva l'installazione personalizzata
Il sito che installa tutte le app essenziali per Windows 10
Covid-19, casi sottostimati per colpa di Excel
Il furto automatico del PIN della carta di credito
Windows 10 avvisa l'utente se un SSD sta per morire
Tutti gli Arretrati


web metrics