Ecco la mappa del gusto nel cervello

Individuate le aree deputate a distinguere dolce, amaro, salato e umami.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-09-2011]

Mappa gusto cervello umami Howard Hughes Medical

Alcuni ricercatori dell'Howard Hughes Medical Center di New York sono riusciti a disegnare la cosiddetta "mappa del gusto", ossia individuare con precisione quali aree del cervello si attivano quando i recettori sulla lingua colgono ciascuno dei cinque gusti fondamentali.

Gli esseri umani sono "attrezzati" per distinguere cinque gusti di base: dolce, amaro, salato, acido e umami, parola giapponese che significa saporito.

Facendo esperimenti su dei topi da laboratorio, i ricercatori hanno scoperto che, diversamente da quanto si credeva, quattro gusto su cinque hanno uno specifico gruppo di neuroni deputato alla propria elaborazione; precedentemente si pensava che le aree adibite a distinguere i gusti si sovrapponessero.

Gli scienziati americani hanno individuato i neuroni che si occupano di dolce, amaro, salato e umami. Non è stata trovata invece la zona che si occupa dell'acido: si ritiene che o questa sensazione venga elaborata in un'altra zona del cervello, tra quelle non sottoposte a indagine, oppure attivi almeno in parte zone che gestiscono anche altre sensazioni; in particolare è possibile che abbia qualcosa a che fare con quelle che si occupano del dolore.

Charles S. Zuker, uno dei ricercatori, spiega: «Questo lavoro rivela il sistema di codifica del gusto attraverso linee precise e ben distinte, e fornisce la base per la rappresentazione cerebrale dell'ultimo dei cinque sensi».

Per individuare i neuroni è stato sfruttato il fatto che, quando uno di essi si attiva, rilascia molti ioni di calcio; tramite un mezzo di contrasto è stato possibile rendere fluorescenti i neuroni in questo stato e osservarli al microscopio.

Ora il team dell'Howard Hughes Medical Center punta a scoprire «come il gusto si combina con gli altri input sensoriali e con gli stati d'animo per determinare i nostri comportamenti e per generare i ricordi dei gusti».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Entro dieci anni gli hacker ci ruberanno i ricordi dal cervello

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual il peggior difetto del tuo smartphone?
Ha il display troppo piccolo per navigare comodamente.
Le app che vorrei utilizzare non sono disponibili il mio OS.
La tastiera virtuale scomoda.
E' troppo lento e le app girano a fatica.
Non dual Sim.
La batteria dura troppo poco.
E' troppo pesante da portare in giro.
Altro (spiegalo nel forum)

Mostra i risultati (3988 voti)
Novembre 2020
Edge, una marea di estensioni pericolose ruba i dati degli utenti
Apple, multa milionaria per aver rallentato gli iPhone
Il malware che colpisce gli utenti dei siti porno
Google Foto, si va verso il servizio a pagamento
Expedia, Booking, Hotels e altri: dati degli utenti visibili e accessibili
L'aspirapolvere che recupera gli AirPod dalle rotaie
Open Shell riporta in vita il menu Start di Windows 7
WhatsApp, ora è più facile eliminare foto e video inutili
Ottobre 2020
Windows 10, Microsoft si prepara a rivoluzionare l'interfaccia
Windows 10 elimina la schermata Sistema, un trucco la riporta in vita
L'app che “spoglia” le donne: garante privacy apre istruttoria
Gasolio addio, FS vuole i treni a idrogeno
Windows 10, guai a catena dopo l'ultimo aggiornamento
Windows 10, Pc riavviati a forza per installare le web app di Office
Quel motivetto che hai in testa? Se lo fischietti, Google lo indovina
Tutti gli Arretrati


web metrics