Google chiude dieci divisioni business

Con Larry Page si riduce lo spazio per le attività secondarie: l'obiettivo è concentrarsi sul "core business".



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 05-09-2011]

Larry Page taglia 10 divisioni business Google

Se c'è una differenza evidente tra la gestione di Eric Schmidt e quella di Larry Page, che ad aprile ha sostituito il primo come CEO di Google, è l'attenzione dedicata dall'azienda a tutto ciò che non è core business.

Se durante l'era Schmidt a Google proliferavano i progetti minori, con Schmidt le aree meno produttive dell'azienda vengono eliminate per concentrarsi su quelle più importanti.

Il vicepresidente Alan Eustace, che ha annunciato gli ultimi tagli in ordine di tempo, li ha definiti «una pulizia di primavera in autunno» e ha spiegato che «renderanno le cose più semplici per i nostri utenti, migliorando l'esperienza. Ci permetterà di dirottare più risorse sui prodotti a maggiore impatto».

Sono dieci in tutto le divisioni business che Google ha deciso di eliminare: si va da quella nata dall'acquisizione di Aardvark (un motore di ricerca sociale) a Google Web Security, creata dopo l'acquisto di Postini.

Spariscono anche Fast Flip, Google Desktop, Google Pack (collezione di software disponibili per il download), Image Labeler, Notebook, Sidewiki, Subscribed Links, e Google Maps API per Flash.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1938 voti)
Gennaio 2020
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Tutti gli Arretrati


web metrics