In Parlamento il disegno di legge contro il peer to peer

I provider diventano sceriffi del web. I cittadini potranno fare la spia per escludere da Internet chi viola il copyright.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-09-2011]

Disegno legge Centemero Versace p2p

Già lo scorso luglio l'AGCOM aveva tentato di emanare un regolamento che consentisse di scavalcare l'autorità giudiziaria e censurare il web per difendere il "sacrosanto" diritto d'autore.

Una prima bozza, meno spaventosa di quanto sembrasse all'inizio, era stata approvata ma alla fine è stato tutto rinviato a novembre, senza prendere una decisione ma anche senza rilevare la palese assurdità dell'intera proposta.

A novembre manca ancora più di un mese ma qualcun altro ha già deciso di riprovarci. Alla Camera dei Deputati è infatti approdato un disegno di legge volto a modificare gli articoli 16 e 17 del decreto legislativo 70/2003.

Presentato dai deputati del PDL Elena Centemero e Santo Versace e assegnato alla Commissione Attività Produttive, il disegno in primo luogo (è l'articolo 16) impone ai provider di disabilitare immediatamente l'accesso a Internet - non è chiaro se solo a chi immette contenuti proibiti in Rete o anche ai navigatori che vi siano incappati - qualora un «soggetto interessato» faccia una segnalazione in merito.

Se oggi è l'autorità giudiziaria che ha il compito di segnalare ai provider i contenuti da rimuovere, con la modifica proposta chiunque potrebbe pretendere la rimozione di un contenuto a lui sgradito e la disabilitazione dell'accesso alla Rete; e il provider sarebbe obbligato a obbedire, perché altrimenti - così continua la proposta - diventerebbe responsabile della presenza dei contenuti.

Non è finita qui. La seconda parte della proposta (quella relativa all'articolo 17) impone ai provider (categoria in cui rientra qualunque piattaforma fornisca servizi) di verificare attivamente che «strumenti o servizi ulteriori, in particolare di carattere organizzativo o promozionale» (quindi anche la pubblicità), non si riferiscano ad attività di terzi che violino il diritto d'autore.

Quindi, per fare un esempio, eBay dovrebbe controllare che nessuno metta in vendita oggetti che legalmente non potrebbe rivendere: siamo all'obbligo della sorveglianza preventiva, peraltro rubricato sotto il titolo Assenza dell'obbligo generale di sorveglianza cui in effetti l'articolo, prima delle modifiche proposte, si riferiva.

Se qualcuno ancora avesse dei dubbi in merito all'obbligo di sorveglianza imposto ai provider non deve fare altro che leggere il comma c, che applica la responsabilità civile e penale «al prestatore che non abbia adempiuto al dovere di diligenza che è ragionevole attendersi da esso e che è previsto dal diritto al fine di individuare e di prevenire taluni tipi di attività illecite».

Ed è sempre il comma c a obbligare i provider ad applicare dei filtri «per evitare che siano commesse nuove violazioni della stessa natura da parte degli stessi soggetti»: ossia, detto in altre parole, a escludere dalla Rete tutti coloro che sono sospettati di fare l'upload o il download di materiale protetto dal diritto d'autore.

Infatti i provider non devono filtrare soltanto i servizi direttamente connessi al peer to peer ma anche tutti quelli che potrebbero essere usati per violare il copyright: praticamente qualunque strumento permetta l'invio o la ricezione di dati.

Se non ottempereranno, ricadrà su di loro la responsabilità civile e penale; e perché siano obbligati ad agire, basta la segnalazione di un semplice cittadino.

Scarica il disegno di legge in PDF dal sito della Camera dei Deputati.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 28)

{paolo_del_bene}
@gomorrah e ci ricadi nuovamente: il Software Libero, non è il Software Open Source per due differenti motivi e li troverai qui per quanto riguarda il Software Libero link[/url] e riguardo all'Open source qui [url=http://forum.zeusnews.com/link/84976]link[/url] inoltre si viene invitati dal URL che parla dell'Open Source a leggere... Leggi tutto
26-9-2011 20:28

Ok paolo, Abbiamo capito che sei un santo. Abbiamo capito che usi solo software open source Abbiamo capito che ti piace sputare sentenze Ora sorvolando sul fatto che forse dovresti cercare on line un bel dizionario (magari open source visto che ti piace tanto) per imparare a scrivere o almeno rileggere i poemi che scrivi perché... Leggi tutto
23-9-2011 23:19

{paolo}
non è contro il PP, è contor il FIleSharing di materiale che è sotto CopyRight ! non vedo per quale motivo vi dobbiate sentire autorizzati a copaire materiale che è delle multinazionali, e che è sotto CopyRight ! comprate le licenze, oppure prendete il Software Libero. al posto di Office c'è come alternativa LibreOffice, non vedo dove... Leggi tutto
22-9-2011 17:30

{gomorrah}
Santo Versace farebbe meglio a occuparsi degli intrallazzi della sua maison, al posto di legiferare per conto terzi su cose che non conosce
22-9-2011 10:05

lo sapevo... ma era un pò tardino.... mi ha fatto fatica scaricarlo e poi finiva che mi "alteravo" e non andavo a dormire tranquillo.... :lol:
22-9-2011 09:16

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il momento della giornata in cui ti senti più creativo?
Alla mattina presto
A metà mattinata
All'ora di pranzo
Nel primo pomeriggio
Nel tardo pomeriggio
All'ora di cena
Di sera
A notte fonda
In un qualsiasi momento
Non sono per niente creativo

Mostra i risultati (1980 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics