Cybercrime, l'uomo è più vulnerabile della donna

Frequenta maggiormente siti erotici e di gioco d'azzardo, ma non solo. Il problema è che l'uomo è spesso consapevole del rischio, ma non si protegge adeguatamente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-09-2011]

norton cybercrime

Un'indagine Norton ha calcolato il costo globale legato al crimine informatico, che ammonta a 114 miliardi di dollari all'anno. Se consideriamo il valore attribuito dalle vittime al tempo perso a causa del cyber crime, lo studio rivela una spesa di altri 274 miliardi di dollari.

In Italia il 68% degli intervistati ha subito attacchi informatici negli ultimi 12 mesi, subendo una perdita di 617 milioni di euro in costi finanziari e altri 6 miliardi di euro valutati in termini di tempo perso per risolvere gli attacchi informatici. Con 431 milioni di vittime a livello globale e una spesa di 388 miliardi di dollari che comprende i costi finanziari per le vittime e il valore attribuito dagli utenti al tempo perso, il costo totale del crimine informatico supera il mercato nero di marijuana, cocaina e eroina messe insieme (288 miliardi di dollari).

Secondo il Norton Cybercrime Report 2011, più di due terzi degli adulti (69%) è stato vittima di un crimine informatico. Ogni secondo sono 14 gli utenti che subiscono attacchi e ogni giorno se ne contano più di un milione. Il Norton Cybercrime Report 2011 rivela che il 10% degli adulti ha sperimentato un episodio di crimine informatico sul proprio dispositivo mobile.

E' stato registrato un aumento del 42% delle vulnerabilità mobile nel 2010 rispetto al 2009, evidenziando la tendenza dei criminali informatici a indirizzare il loro interesse all'ambito mobile. Oltre alle minacce sui dispositivi mobili, la crescente interazione sui social network e la mancanza di protezione sembrano essere alcune delle principali cause della crescita del numero delle vittime.

Secondo lo studio, sono gli uomini tra i 18 e i 31 anni appartenenti alla cosiddetta Google Generation, che accedono a Internet dai dispositivi mobili ad essere i più vulnerabili ai crimini online: infatti, 4 su 5 (80%) hanno sperimentato una qualche forma di attacco. Il 33% degli utenti di smartphone in Italia utilizza tali dispositivi per accedere a Internet e l'8% di tutto il crimine informatico si verifica su dispositivi mobili.

Nonostante la diffusione del crimine informatico sui dispositivi mobili, il 78% non utilizza una password per proteggere il dispositivo da accessi non autorizzati alle informazioni personali e il 30% scarica applicazioni da siti web non ufficiali. Solo il 13% possiede un software di sicurezza mobile aggiornato e il 10% utilizza applicazioni in grado di verificare la sicurezza dei file e dei siti web e in grado di eliminare le informazioni personali in caso di furto o smarrimento.

A livello globale, le tipologie di minacce più diffuse sono i virus e il malware, con il 54% degli intervistati che dichiarano di averli subiti. Ai virus seguono le truffe online (11%) e i messaggi di phishing (10%). Anche in Italia il 62% degli utenti è stato colpito nell'ultimo anno da virus o malware ma il crimine informatico n. 2 è rappresentato dalle molestie sessuali online: il 55% degli intervistati ha infatti subito attacchi di questo tipo. Frequenti sono stati anche gli attacchi ai profili dei social network, che hanno sperimentato il 55% degli utenti italiani. Quest'anno Symantec ha rilevato più di 286 milioni di tipologie di malware rispetto ai 240 milioni nel 2009, registrando un aumento del 19%.

In Italia gli uomini hanno maggiori probabilità di rimanere vittime del crimine informatico rispetto alle donne, 70% rispetto a 67%. Ciò è dovuto principalmente alle loro rischiose abitudini online. Infatti, mentre gli uomini preferiscono visualizzare siti web con contenuti erotici, comunicare con estranei, trascorrere il tempo su siti di appuntamenti online e giocare d'azzardo, le donne si dimostrano più attente e comunicano con amici piuttosto che con estranei, fanno shopping e trascorrono più tempo degli uomini sui social network. Il 19% delle donne ha infatti dichiarato che una vita senza social network comporterebbe la perdita di contatti con molti amici, rispetto al 8% degli uomini.

Il divario tra l'essere consapevoli e l'agire concretamente è dimostrato dal fatto che, mentre il 79% afferma di conoscere i rischi del crimine informatico, la maggior parte degli utenti italiani non adotta le precauzioni necessarie. Il 69% afferma infatti di non avere una suite di sicurezza aggiornata in grado di proteggere le informazioni personali, dato che a livello mondiale corrisponde al 41%. Inoltre, meno della metà controlla regolarmente l'estratto conto della propria carta di credito per evitare le frodi (47%) e il 61% non utilizza password abbastanza complesse oppure non le cambia frequentemente. Infine, tra coloro che accedono a Internet tramite il proprio dispositivo mobile, solo 13% ha installato la soluzione di sicurezza più aggiornata.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Un collaboratore di Zeus News ci ha posto il quesito: "Mio figlio ha ormai 8 anni, che grosso modo l'et in cui io ho ricevuto il Commodore 16 (avevo 9 anni). Lui per Natale vorrebbe un tablet. Che cosa gli regalo?" Secondo voi, meglio regalare...
Un tablet
Un notebook
Un Pc
Un Commodore 16
Qualcos'altro

Mostra i risultati (2503 voti)
Dicembre 2022
L'app open source per vedere YouTube senza seccature
Novembre 2022
L'app per scaricare l'intera Wikipedia (e non solo)
La scorciatoia che sblocca Windows
Amazon Drive chiude i battenti
Le cinque migliori alternative a Z Library
Il visore VR che uccide i giocatori quando perdono
Gli Stati Uniti oscurano Z Library
Vodafone, sottratti oltre 300 GB di dati degli utenti
Pochi o tanti, ma contanti
Ottobre 2022
Chrome si prepara ad abbandonare i Windows ''vecchi''
iPhone 14, nessuno lo vuole?
Windows 11, in arrivo il primo "Momento"
TikTok, arrivano i contenuti per soli adulti
Addio Office, benvenuta Microsoft 365
La truffa del cosmonauta bloccato nello spazio
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 4 dicembre


web metrics